Parma-Sassuolo 1-0. D’Aversa: “Una prestazione importante”

Casa Bambini
SanMartino
lodi_maggio24
kaleidoscopio
foto: parmacalcio1913.com


Parma-Sassuolo 1-0

Marcatori: 49′ st aut. Bourabia.

PARMA CALCIO 1913: Sepe, Iacoponi, Inglese (33′ st Cornelius), Hernani, Barillà, Scozzarella (22′ st Brugman), B. Alves (cap.), Gervinho, Gagliolo, Darmian, Kulusevski (43′ st Sprocati).
A disposizione: Colombi, Alastra, Dermaku, Karamoh, Laurini, Pezzella.
All.: D’Aversa

U.S. SASSUOLO: Consigli, Magnanelli (cap.) (40′ st Bourabia), Boga (22′ st Defrel), Caputo, Obiang, Muldur, Chiriches, Toljan, Berardi, Ferrari, Locatelli (1′ st Traoré).
A disposizione: Pegolo, Marlon, Duncan, Peluso, Raspadori, Romagna, Tripaldelli, Mazzitelli, Kyriakopoulos.
All.: De Zerbi.

Arbitro: Sig. Livio Marinelli di Tivoli. Assistenti: Sigg. Fabiano Preti di Mantova e Dario Cecconi di Empoli. IV Uomo: Sig. Davide Ghersini di Genova. V.A.R: Sig. Luigi Nasca di Bari. A.V.A.R.: Sig. Filippo Valeriani di Ravenna.

Note – Calci d’angolo: 4-4. Ammoniti: Gervinho (P), Obiang (S), Gagliolo (P), Iacoponi (P). Recupero: 4’pt, 6’st. Spettatori 13.801 (13.033 abbonati, 205 ospiti) per un incasso di 149.176,71 Euro.


Al termine del match vinto 1-0 in casa contro il Sassuolo, Mister Roberto D’Aversa ha incontrato i giornalisti nella sala stampa del Tardini.

“Il gol nel finale è la testimonianza di una prestazione importante, arriva con una deviazione ma se analizziamo la gara se c’era una squadra che meritava era la nostra, per le situazioni da gol create e per l’interpretazione, la voglia di portare a casa il risultato ha fatto sì che gli episodi fossero dalla nostra parte”.

“Dobbiamo essere bravi ad avere equilibrio, se ci è mancato qualcosa è stato contro il Cagliari anche se non posso rimproverare ai ragazzi nulla per la prestazione che è stata migliore anche di stasera per occasioni create. Ho detto ai ragazzi che dovevamo affrontare la gara con entusiasmo come fosse la prima di campionato, facendo di tutto per portarla a casa, non era semplice ma ci deve essere equilibrio: ci sta di perdere a Roma, quel che è successo in quel secondo tempo è servito ai ragazzi per affrontare la gara di stasera con determinazione, dobbiamo essere bravi a ragionare in maniera equilibrata”.

“Scozzarella lo conosciamo tutti, è qui dalla Lega Pro, ha qualità importanti, fisicamente non ha la struttura di altri, se l’avesse avuta avrebbe fatto tutta la carriera in Serie A e molto probabilmente anche in Nazionale, è importante per il lavoro che fa anche quando la palla ce l’hanno gli avversari: sotto l’aspetto delle doti è migliorato anche in fase difensiva, la qualità della squadra è maggiore quando c’è lui, è un giocatore che lavora bene sulle palle inattive”.

“Una gara del genere con tante occasioni bisognava sfruttarle meglio, ma devo dire che non era semplice, siamo contenti per aver dato soddisfazione al pubblico, è stato encomiabile fino ad oggi e stasera loro hanno trascinato noi, così come noi abbiamo trascinato loro“.

“Il Var? Sul rigore credo fosse evidente già dal campo, se analizziamo tutte le situazioni del Var dall’anno scorso che ci hanno riguardato quando c’è stato bisogno di darci qualcosa c’è voluto il suo intervento anche per cose evidenti. Credo che sia importante limitare gli errori, se c’è intervenire con il Var è giusto che sia così; le immagini non le ho riviste, ci sta anche anche l’arbitro possa sbagliare, credo che il Var ora a volte lo sostituisca un po’ troppo”.

“Inglese ha fatto una prestazione importante, certo il rigore sbagliato influisce molto, deve stare solo tranquillo, è un giocatore importante e non deve sentire alcuna responsabilità, deve fare ciò di cui è capace così come ha fatto stasera; i rigori si sbagliano e Consigli di rigori ne ha già parati diversi, poi è uscito perchè era stanco ed è entrato un giocatore che sta bene in questo momento, ribadisco che ha fatto una grande prestazione e deve stare tranquillo”.

“Stasera abbiamo indovinato sistema di gioco: lo dico come battuta. Non dipende da questo, anche stasera abbiamo interpretato la partita difendendo con un sistema e attaccando con un altro. A Roma ci può stare di perdere, ma la squadra ha sempre cercato come propria identità di mettere gli avversari in difficoltà e i sintomi di quel secondo tempo non c’erano stati in allenamento, avevamo di fronte una squadra forte che stasera ha messo in difficoltà l’Inter, quel secondo tempo ci è servito stasera per portare a casa il risultato”.

kaleidoscopio
SanMartino
lodi_maggio24
Casa Bambini