“Per come posso”, il romanzo di Marco Pozzali con molte verità

È stata una meravigliosa avventura leggere l’ultimo romanzo di Marco Pozzali che con la sua penna fine e con pennellate chiare e precise è riuscito a farci tuffare nella suggestiva atmosfera di Lipari.

Quest’opera chiude idealmente una trilogia narrativa dell’autore il quale da il meglio di se raccontando una storia bella, accattivante nella quale è piacevole immergersi.

Con il titolo ” Per come posso” lo scrittore-sommelier ci offre in una coppa un romanzo che nutre l’anima e che ci inebria con i profumi di una terra bellissima. Sin dalle prime pagine il lettore rimarrà fortemente agganciato alla trama perché la storia rapisce e trascina piacevolmente in un’ambientazione suggestiva e pregna di particolari. Infatti, l’autore come i pittori fiamminghi del ‘400 ama essere minuzioso e generoso nelle descrizioni e ci regala un protagonista, Alberto P. anch’egli innamorato dell’opera di Jan Van Eyck e degli artisti del tempo.

Alberto P. si costruisce un esilio volontario, si crea un piano di fuga da una vita e da una Milano che lo opprime; per tutta la vita, fa ricerche sui pittori fiamminghi perché affascinato dal loro modo di osservare la realtà. Sarà proprio l’epigrafe ” Als Ich Can” ( per come posso) che Jan Van Eyck era solito mettere sulle cornici delle proprie opere a suggerire a Pozzali il titolo del romanzo che invita tutti ad impegnarsi nella misura delle proprie possibilità e delle proprie capacità. Come i fiamminghi davano molta importanza ai particolari, alle luci e alle tinte così il nostro autore, grande enologo, trasferisce nelle pagine bouquet di sensazioni, effervescenze di colori e piccoli assaggi della bellezza con la B maiuscola.

Nella scrittura di Pozzali c’è la ricerca dei dettagli e c’è la stessa precisione ed accuratezza usata dagli artisti delle fiandre che erano meticolosi e amanti del particolare. La storia ha ritmo, ha una trama forte e porta in se un messaggio vero ed attuale, quello che ognuno deve rispettare i propri limiti; ed è per questo che il romanzo piace e convince non solo per i contenuti ma anche per la forma espressa in uno stile scorrevole e piacevole.

Grazie all’illuminata casa editrice Diabasis potremo degustare un lavoro ben fatto, una lettura gradevole e accompagneremo il protagonista a dar senso all’ultima curva della sua vita… una curva che nasconde ancora una breve salita.

Raffaele Crispo
Elvis Ronzoni