Per la riapertura del Punto Nascita a Borgotaro siamo ancora alle promesse e alle interrogazioni… (di Rodolfo Marchini, FdI)

proges_4_21

Siamo di nuovo alle promesse e alle interrogazioni!

È davvero risibile che il Consigliere Daffadà dica di aver promesso la Riapertura del Punto Nascita (LEGGI), quando era tra quelli del suo partito che, insieme a Venturi, a Bonaccini, a Rossi e a Cardinali, dicevano di dover chiudere il Punto Nascita di Borgotaro per mancanza di sicurezza.

E infatti lo avete chiuso col famoso ditino alzato dal vostro Consigliere regionale.

È vero invece che Bonaccini promette, promette e promette, dopo che i nostri concittadini valtaresi e valcenesi lo hanno punito col voto. E ora siamo di nuovo alle promesse… siamo di nuovo allo studio dei protocolli, siamo allo scaricabarile col Ministero e col Governo. Qui in Emilia siamo alla scusa della pandemia, quando a Villafranca in Veneto lo hanno riaperto pochi giorni fa! In questo anno e mezzo non avevate il tempo per studiare i protocolli?

Noi, dopo aver lottato con le unghie e coi denti per impedirvi di chiuderlo, abbiamo continuato a batterci per farlo riaprire. Abbiamo coniato lo slogan delle nostre magliette RIVOGLIAMO IL PUNTO NASCITA A BORGOTARO! Abbiamo vinto la nostra battaglia perché ormai anche voi dite che è stato un gravissimo errore chiuderlo e che bisogna riaprirlo.

Ora la RIAPERTURA è un atto dovuto, lo dovete alle mamme che per oltre tre anni sono dovute andare a partorire a Parma, alle donne che hanno lottato nella tenda al freddo invernale, ai cittadini che ci hanno sempre creduto come a un presidio irrinunciabile per la propria sopravvivenza in Montagna.

E dopo averlo riaperto dovete nascondervi per la vergogna di averlo chiuso!

Rodolfo Marchini, FdI