Rainieri e Occhi (Lega) sul Ponte Europa: “Pizzarotti e Pd preferiscono la propaganda sull’opera inutile invece che farne la sede dell’Autorità di Bacino del Po”

“Sul Ponte Europa di Parma sarebbe già possibile metterci la sede dell’Autorità di Bacino distrettuale del fiume Po, ma si continua a tergiversare, probabilmente perché quell’idea si realizzerebbe soprattutto grazie alla Lega e, invece, si preferisce poter continuare a fare propaganda sull’opera inutile”. È quanto hanno dichiarato il Vice Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, e l’altro Consigliere regionale del Carroccio, Emiliano Occhi, dopo avere presentato alla Giunta regionale un’interrogazione riguardo al ponte che attraversa il torrente Parma sul quale è presente un edificio lungo 160 e alto 15 metri inutilizzato da quando è stato aperto e proprio per questo tornato recentemente alla ribalta per un esposto contro il sindaco Pizzarotti per danno erariale.

“Nella legge di conversione del Decreto Sblocca Cantieri, approvata nell’estate del 2019, è stato inserito appositamente un emendamento proposto dalla Lega che consentirebbe di derogare alla normativa generale che vieta l’utilizzo dei volumi edificati sugli alvei dei corsi d’acqua, a fronte della presenza, a monte del corso d’acqua attraversato dal ponte, di opere idrauliche idonee a garantire un franco di sicurezza adeguato rispetto al livello delle piene, tra le quali le casse di espansione che già ci sono – hanno specificato i leghisti – Proprio durante la discussione di quella legge, emerse l’ipotesi di utilizzare quegli spazi come sede dell’Autorità di Bacino del Po che attualmente coabita con l’AIPO nel palazzo dell’ex magistrato per il PO in via Garibaldi 1. Una soluzione concreta, come da tradizione della Lega, per un’opera, comunque la si pensi sulla sua utilità, costata troppo e che proprio nel rispetto dei cittadini che l’hanno pagata non avrebbe dovuto essere abbandonata per così tanto tempo. Vediamo ora se Bonaccini, che come Regione Emilia-Romagna è direttamente interessato a quel progetto di utilizzo permanente, perché dovrebbe esprimere un parere obbligatorio, aiuterà Parma a dargli una funzione adeguata oppure se preferirà continuare a sostenere la propaganda strumentale di Pizzarotti e del PD di Parma”.