Rainieri (Lega): “Bonaccini in difficoltà cerca alleati anti Lega ovunque”

assaggiami
Lombatti

“Pizzarotti e il PD di Bonaccini sono già compagni da anni. Ci sarebbe da stupirsi se per le regionali non si alleeranno. Al contrario per i 5S sarebbe assolutamente innaturale allearsi con un’amministrazione regionale uscente ed il PD che l’ha sostenuta, perché, sulle tematiche regionali, si trovano quasi sempre su posizioni diametralmente opposte, ancora di più che su quelle nazionali. Se quindi ci sarà un inciucio elettorale in Emilia-Romagna, sarà ancora più truffaldino e inspiegabile di quello governativo e poltronista che stanno cercando di fare a Roma”.

È quanto ha dichiarato il Vice Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, riguardo agli scenari di alleanze a cui sta lavorando il Presidente regionale uscente, Stefano Bonaccini, per essere sostenuto alle prossime elezioni regionali da un ampio arco di forze politiche da alleare al suo PD, che includerebbe, oltre agli storici alleati della sinistra estrema, sia il movimento del Sindaco di Parma, Italia in Comune, sia i 5S.

“Pizzarotti e Bonaccini dal 2014 in poi si sono continuamente fatti favori reciproci – ha quindi proseguito il Consigliere regionale leghista – Bonaccini non ha fatto campagna elettorale contro Pizzarotti alle comunali del 2017, nonostante il PD fosse diretto avversario del sindaco uscente, e lo ha sostenuto in tutte le sue politiche anche nelle iniziative solo di facciata sulla sicurezza in città, come quella della sede inutile della municipale nel quartiere San Leonardo. D’altronde, l’insensibilità per l’emergenza sicurezza e il buonismo in materia di immigrazione li accomuna. Pizzarotti, dal canto suo, , che già all’inizio del suo primo mandato svendette ad una coop rossa in crisi la Stu Pasubio, non ha mai disturbato il manovratore regionale nella sua politica di emarginazione di Parma. Un esempio su tutti è che non si ricorda un intervento del sindaco di Parma, a difesa di una sanità parmigiana sempre più bistrattata a livello regionale rispetto ad altre realtà molto più avvantaggiate, Reggio Emilia e Modena su tutte. I 5S, invece, hanno fatto battaglie durissime su quasi tutte le tematiche regionali, in particolare sulle infrastrutture, proclamando di essere solo loro quelli che si battano contro il sistema di potere incancrenito della sinistra in Emilia-Romagna. È chiaro comunque che Bonaccini è in forte difficoltà principalmente perché ha governato male – ha quindi concluso Rainieri – Cerca alleati ovunque e comunque, solo in funzione di contrastare un centrodestra a guida Lega che ha finalmente le carte in regola per guidare questa Regione”.

comunali2022