Ruba liquori in Ghiaia

Lombatti
valparmahospital

Ieri pomeriggio alle ore 18.00, le Volanti sono intervenute in Piazzale della Pace, poichè il personale addetto alla sicurezza del supermercato Conad in Ghiaia, riferiva su utenza 113 che stava seguendo tre soggetti, autori di un furto avvenuto all’interno negozio.

I poliziotti, giunti sul posto allo scopo di ricostruire i fatti hanno preso contatti con l’addetto alla sicurezza, il quale indicava un ragazzo sdraiato sul prato dell’area verde di Piazzale della Pace, che riconosceva come lo stesso che poco prima, aveva prelevato alcoolici dallo scaffale del supermercato.

Questi riferiva che precedentemente , ha notato entrare nel negozio due ragazzi, che con fare sospetto, hanno raggiunto subito il reparto degli alcolici. Uno dei due, assicurandosi di non essere visto, prelevava una bottiglia di liquore dallo scaffale nascondendola nella busta, anche l’altro ragazzo faceva lo stesso con un’altra bottiglia.

Fatto cio’, i due si dirigevano verso l’uscita attraversando le casse senza provocare l’attivazione delle barriere antitaccheggio. Una volta fuori dal negozio si incamminavano in direzione Piazzale della Pace.

All’esterno del negozio venivano raggiunti da un terzo complice. All’arrivo dei poliziotti due dei tre ragazzi riuscivano a dileguarsi facendo perdere le loro tracce, mentre il terzo, l’autore del furto veniva fermato e controllato. L’uomo, sin da subito si mostrava insofferente al controllo, rifiutandosi di mostrare sia il contenuto del proprio zaino che della borsa, anzi in questo frangente allo scopo di eludere il controllo cercava di scappare cercando di disfarsi dello zaino e della borsa. Inseguito dai poliziotti, veniva immediatamente bloccato.

All’interno dello zaino venivano trovate numerose confezioni di profumo ancora sigillate, mentre nella busta schermata vi erano alcune t- shirt con ancora il dispositivo antitaccheggio.

L’uomo privo di documenti, portato in Questura, veniva identificato per un cittadino marocchino 25 enne in Italia senza fissa dimora.

Al termine dell’attività di identificazione il 25enne è stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione, per verificare la sua posizione sul territorio nazionale.

Sono in corso indagini per risalire ai proprietari della merce ritrovata.

valparmahospital