Sala Baganza, cerca di acquistare un furgone su internet ma è un raggiro: denunciato il truffatore

Un artigiano di Sala Baganza è rimasto vittima, nei giorni scorsi, di una truffa attraverso i canali di internet.

L’uomo aveva trovato su un noto sito on-line l’annuncio di un furgone, che gli serviva per l’attività lavorativa, in vendita ad un prezzo interessante. Decideva quindi di concludere con il venditore quello che riteneva un affare vantaggioso.  Cosi, dopo un fitto scambio di mail, provvedeva, come pattuito con la controparte, a versare una caparra di 1000 euro sull’IBAN che gli era stato indicato.

 

Michele Guerra varca la soglia della clausura del monastero delle Carmelitane Scalze (di Andrea Marsiletti)

 

Solo che il furgone non è mai stato venduto e il venditore, dopo aver intascato i soldi, è sparito, non rispondendo più ai tentativi di contattarlo da parte dell’acquirente. L’uomo, resosi conto di essere stato raggirato, si è allora rivolto ai Carabinieri della Stazione di Sala Baganza, dove ha presentato querela. I militari, attraverso il tracciamento dei dati bancari sono risaliti al finto venditore, un 29enne pluripregiudicato, intestatario del conto su cui era confluito il denaro, che è stato denunciato per truffa aggravata.

Per difendersi da questo tipo di truffe, purtroppo molto diffuse, si raccomanda, soprattutto nelle compravendite tra privati, di diffidare dalle offerte di prodotti pubblicizzati a prezzi molto più bassi rispetto a quelli di mercato, e di fare attenzione alle richieste anticipate di pagamento o di caparre tramite l’accredito diretto su carte ricaricabili. E’ più sicuro chiedere di poter pagare in contrassegno alla ricezione del bene o, qualora non sia possibile, effettuare l’acquisto personalmente.

Comando Provinciale Carabinieri di Parma

lombatti_mar24