Sala – Felino, un ponte per ciclisti e pedoni

Lombatti

30/03/2012
h.17.10

A piedi o in bici da Sala a Felino, transitando in sicurezza sulla nuova passerella che affianca il ponte storico sul Baganza. E’ da oggi percorribile il percorso destinato alle utenze deboli realizzato dalla Provincia con un investimento di 1mln e 300 mila euro nell’ambito dei lavori in corso sull’asse Pedemontano. Un’opera importante come hanno sottolineato questa mattina, alla cerimonia di apertura della passerella, le autorità intervenute: l’assessore alle Infrastrutture Ugo Danni e i sindaci Barbara Lori di Felino e Cristina Merusi di Sala Baganza.Presenti anche i tecnici che hanno lavorato all’opera, amministratori e cittadini.
Separata dalla carreggiata delle auto in modo da garantire ancor di più la sicurezza di chi vi transita a piedi o in bici, la nuova pista ciclopedonale inizia in corrispondenza della rotatoria Balestra, attraversa il torrente Baganza con la passerella aderente al ponte e termina in corrispondenza del marciapiede, dove è stata realizzata una rampa per scendere al sottostante sentiero sempre ciclo-pedonale che costeggia il Baganza nella zona del campo da calcio del Comune di Sala Baganza.
“E’ un’opera che unisce due comunità e che quindi ha anche un forte significato simbolico rafforzando il legame che c’è in questo territorio. E’ nata su proposta delle imprese che stanno realizzando il tratto di pedemontana che da Pilastro arriverà al ponte di Sala Baganza – ha spiegato l’assessore Danni questa mattina nel corso della cerimonia di apertura – un collegamento che contiamo di aprire a fine giugno e che consentirà di bypassare i centri di Felino e San Michele Tiorre. Considero questa passerella un preambolo alla continuazione dell’asse pedemontano anche nel territorio del comune di Sala Baganza, un progetto che comprende la realizzazione del nuovo ponte a cui stiamo lavorando sia per la sostenibilità ambientale che finanziaria e che speriamo di avere pronto per la fine del 2012”.
Soddisfazione anche da parte delle sindache. “Ringrazio la Provincia per la sensibilità dimostrata verso le utenze deboli e la loro sicurezza. – ha detto MerusiTante famiglie saranno ora più tranquille perché i ragazzi di entrambi i centri potranno muoversi con più tranquillità”.
“Quella che oggi viene consegnata ai cittadini rappresenta un’opera molto utile per le tante persone che si spostano e frequentano gli spazi e i servizi delle nostre due comunità” ha detto Lori.
Il percorso ha una lunghezza complessiva di 680 metri, di cui 200 di passerella sopra il torrente Baganza e 80m di discesa alla zona dell’alveo nel comune di Sala. La larghezza della pista è di 2,5 metri. Costituita da una struttura in acciaio, zincata e verniciata, composta da archi e puntoni, la passerella sul torrente è stata pensata per armonizzarsi con il ponte storico cui è agganciata. Il parapetto verso in fiume è in lastre di vetro stratificato in modo da lasciare vedere il panorama collinare mentre sul lato strada il parapetto in doghe di legno protegge dal guard-rail posto sul ponte. In questo tratto il percorso è pavimentato in doghe di legno ed illuminato con lampade a led incassate nel parapetto di valle.
Per realizzare questa struttura non è stato necessario chiudere o ridurre l’intenso traffico sul ponte in quanto tutte le opere sono state eseguite dall’alveo del fiume.
I tratti di percorso a lato della strada sono stati ottenuti con l’allargamento della banchina esistente e sono pavimentati in asfalto.
L’opera è costata complessivamente 1.300.000 euro ed è stata realizzata dalla Provincia di Parma all’interno del progetto dei lavori per il nuovo tratto di Pedemontana che da Pilastro arriverà al ponte di Sala Baganza, collegando la Massese alla strada provinciale di Calestano, il cui importo complessivo di 16 milioni di euro, è finanziato dalla Regione Emilia-Romagna.

___

Iscriviti alla
newsletter
di ParmaDaily!