Sorpreso con quasi 300 euro di merce trafugata dall’Esselunga: denuncia per un 32enne con divieto di ritorno a Parma per tre anni

Sono da poco passate le ore 11.00 del giorno 20.01.2021 quando la sala operativa della Questura di Parma riceve la segnalazione, da parte della vigilanza privata dell’Esselunga di Via Emilia Est, del controllo di un soggetto colto nell’atto di trafugare merce non pagata dall’esercizio commerciale.

L’uomo infatti era stato notato dalle telecamere interne della videosorveglianza in atteggiamento sospetto mentre si guardava intorno nei pressi delle corsie riservate alle apparecchiature elettroniche.

Pensando di non essere stato notato, l’uomo occultava sulla sua persona cinque confezioni di auricolari wireless, dirigendosi poi alle casse automatiche e presentando per la vendita solo due lattine di birra.

La sorveglianza dell’ipermercato provvedeva tuttavia immediatamente a contattare le forze dell’ordine ed a sottoporre a controllo l’uomo, il quale restituiva la merce trafugata, non danneggiata e rivendibile.

Giunto sul posto il personale della Polizia di Stato procedeva ad identificare l’uomo per un pluripregiudicato, noto agli uffici per reati analoghi e ad accompagnarlo per la redazione degli atti a suo carico presso i locali della Questura.

Qui l’uomo, oltre ad essere deferito all’Autorità Giudiziaria per il reato di furto aggravato, è stato sottoposto ad opera di personale della Divisione Anticrimine al procedimento relativo alla misura di prevenzione del divieto di ritorno in Parma.

Al soggetto infatti, attesa la sua pericolosità sociale e considerato che lo stesso risulta residente in altro capoluogo, è stato ordinato di allontanarsi e non fare ritorno nella nostra città per anni tre.

Questura di Parma