Tante volontarie con un unico grande obiettivo, sostenere l’Oncologia di Parma

Sempre caloroso l’abbraccio che tante persone dedicano all’oncologia di Parma. Ciascuno con le proprie capacità e i propri talenti ma con lo stesso desiderio di metterli in gioco per lasciare un segno in un reparto dove le attenzioni verso i pazienti non sono mai troppe.

Ed è così che, ascoltando i suggerimenti della coordinatrice infermieristica Francesca Chiastra, sono state donate al Day Hospital oncologico dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Parma una poltrona per terapie, quattro sedie a rotelle per pazienti con difficoltà motorie, un paravento per garantire la privacy e un saturimetro di alta qualità per misurare in modo affidabile e veloce l’ossigenazione del sangue. Quattro donazioni da quattro diversi donatori.

La poltrona reclinabile adatta per somministrazioni di breve durata è stata regalata dal gruppo volontarie dei mercatini di Sissa, signore talentuose nel lavoro a maglia così come nel ricamo e nell’uncinetto che espongono i loro bellissimi lavori durante il November Porc e le feste di paese per raccogliere donazioni che, quest’anno, hanno destinato all’oncologia di Parma. A consegnare la poltrona Lorella, Gina e Nerella in rappresentanza del nutrito drappello che sta già pensando alle prossime creazioni.

Al loro fianco Maria Cristina Calderini e Monica Uleri del Club del Fornello 2. “Grazie alla partecipazione di Platinette ad una nostra serata – spiega Monica Uleri – abbiamo raccolto la cifra utilizzata per acquistare quattro sedie a rotelle per il Day Hospital oncologico. Una scelta condivisa con slancio dalle socie del Club”.

E poi ci sono loro, Piano B e Sluppo, simpatica rappresentanza dei clown dei VIP Parma che si nascondono dietro il paravento che hanno donato. Ma i loro nasi rossi e le parrucche colorate spuntano spesso nei reparti dell’Ospedale Maggiore. “Grazie alla collaborazione nata con l’associazione Verso il Sereno – la presidente, in arte Piano B, – siamo diventati assidui frequentatori della degenza oncologica e del reparto di geriatria lungodegenza, sempre nella speranza di portare un sorriso a chi forse di sorridere non ne ha tanta voglia”.

Il saturimetro invece è il segno lasciato da una volontaria assidua dell’associazione Verso il Sereno come Paola Lepori che con questa donazione, frutto anche del sostegno ricevuto da amici e parenti, ha voluto ricordare il marito Giuseppe Zunini recentemente scomparso e persona molto stimata in ambiente ospedaliero di cui è stato dipendente.

A tutti loro è andato l’abbraccio affettuoso della caposala Francesca Chiastra e del direttore dell’Oncologia Medica Francesco Leonardi ai cui ringraziamenti si è unito il responsabile delle attività ambulatoriali Marcello Tiseo.