Torcularia Book Festival: successo per la seconda giornata con Dorfles e Schiavulli

Lombatti

La seconda giornata del Torcularia Book Festival. Festival della Conoscenza, presso la Badia Benedettina di Santa Maria della Neve a Torrechiara, ha registrato un altro grande successo di pubblico, presente per ascoltare gli appuntamenti in programma.

Protagonista dell’incontro pomeridiano è stata la giornalista inviata di guerra Barbara Schiavulli, in un dialogo intervista sul tema “Afghanistan, il paese senza donne”, che ha raccontato il dramma delle donne afghane in seguito al ritiro delle truppe americane dal Paese e il ritorno al potere dei talebani. Donne le cui sofferenze e privazioni della libertà sono oggi dimenticate, alla luce dell’emergenza sopraggiunta con l’invasione dell’Ucraina.

“Da 11 mesi l’Afghanistan è sotto il controllo dei Talebani. – spiega Barbara Schiavulli – Un paese dove alle donne è vietato andare a scuola, lavorare, uscire non accompagnate, donne che sono state cancellate nel pieno della peggiore crisi politica, economica, umanitaria che il paese stesso abbia attraversato, tradito dall’Occidente e abbandonato da chi lo aiutava. Non si può, non si deve dimenticare”.

Nell’appuntamento della sera, Piero Dorfles, giornalista, scrittore e vicedirettore dei programmi di RadioRai, è salito sul palco del Festival con la sua Lectio Magistralis incentrata su “Il lavoro del lettore. Perché leggere ti cambia la vita”.

“Leggere o non leggere? Non è una domanda da poco, credo che quasi tutti quelli che leggono non si pongano il problema del perché lo fanno e penso che quasi tutti quelli che non leggono non si rendano conto di cosa perdono.- sottolinea Piero Dorfles – E questo è il vero approfondimento, insieme al tema di cosa perdiamo noi lettori perché gli altri non leggono. È qualcosa che riguarda tutti, è una intera collettività che perde qualcosa quando ha una parte sostanziale di non lettori: perde profondità di pensiero, esperienze, capacità intellettuali”.