Vogliono rinnovarsi il guardaroba al Fidenza Village, invece dei soldi portano una tronchese

confartigianatomaggio
Contabile_giugno24

Alcuni giorni fa i Carabinieri della Stazioni di Fidenza hanno denunciato in stato di libertà due uomini ed una donna di origine indiana, residenti nel mantovano che si erano resi responsabili di alcuni furti commessi all’interno del polo commerciale denominato “Fidenza Village”.

Il terzetto di età compresa fra i 20 ed i 30 anni, fingendo di essere uno dei comunissimi gruppi di amici che tutti i giorni affollano il centro commerciale, ha trascorso la gran parte del pomeriggio, “facendo visita” a numerosi dei negozi presenti, , con una particolare predilezione per quelli di abbigliamento, scarpe e accessori.

Nel tardo pomeriggio, accedevano all’interno di un negozio di abbigliamento, facendo scattare l’allarme anti taccheggio ed attirando così l’attenzione del personale addetto alla vigilanza che interveniva e su indicazione della commessa fermava i tre.

Il vigilante, vista la situazione richiedeva l’immediato intervento dei Carabinieri, che poco distanti in servizio di pattuglia intervenivano tempestivamente.

I militari, hanno chiesto ad uno dei ragazzi, il più agitato di aprire lo zaino che portava sulle spalle ed all’interno hanno rinvenuto un giubbotto di una famosa marca, del valore di 400 euro, con le placche antitaccheggio ancora attaccate.

 

† Terra Santa 11 – Il Santo Sepolcro, il luogo più sacro del mondo (di Andrea Marsiletti)

 

All’interno della borsa tipo shopping bag, di una delle due ragazze, anch’essa di una famosa marca, è stata rinvenuta una borsetta più piccola della medesima marca ed alcune T-shirt per un valore complessivo di circa 400 euro. Per tutti gli articoli i tre non erano in grado di esibire alcuno scontrino fiscale.

Sul fondo alla borsa, occultata abilmente fra gli indumenti, è stata rinvenuta una tronchese in acciaio, di tipo professionale, utilizzata per rimuovere le placche anti taccheggio ed eludere i sistemi di sorveglianza.

La merce recuperata è stata restituita ai responsabili dei punti vendita, mentre la tronchese è stata posto sotto sequestro.

Al termine di una meticolosa ricostruzione dei fatti, visionate le immagini registrate dai sistemi di video sorveglianza, accertato il possesso della refurtiva, i tre sono stati condotti in Caserma e denunciati in stato di libertà all’A.G. perché ritenuti responsabili del reato di furto aggravato.

 

lodi_maggio24
SanMartino
kaleidoscopio
Casa Bambini