17 maggio: omosessuali uniti contro l’omofobia

Ogni anno il 17 maggio, a livello internazionale, si celebra la giornata in memoria delle vittime dell’omofobia, ed anche quest’anno nonostante le difficoltà create dalla pandemia, le associazioni degli omosessuali di Parma hanno organizzato alcune iniziative per invitare tutti a riflettere circa le discriminazioni, le offese e le violenze rivolte al popolo LGBT.

Così l’associazione Ottavo Colore, la più grande e rappresentativa del mondo arcobaleno a Parma, ha organizzato un eloquente video collettivo per contrastare l’omobitransfobia che vede il contributo di soci e simpatizzanti del gruppo LGBT i quali sono stati invitati a riprendersi tenendo in mano un foglio che reca la scritta di un’offesa o di uno stereotipo solitamente rivolta agli omosessuali.

Così, grazie all’idea della fondatrice dell’Ottavo Colore, Valeria Savazzi, tanti giovani e meno giovani hanno potuto manifestare il proprio dissenso nei confronti di chi offende il colorato popolo arcobaleno. Ognuno dei protagonisti del video dopo aver mostrato il foglio con la scritta lo ha accartocciato o strappato con la stessa violenza e disprezzo che spesso vengono usati da parte di chi ingiustamente ed ignorantemente inveisce contro gli ambienti omosessuali.

Sempre domenica 17 maggio l’associazione Spiritualità Arcobaleno, costituita da omosessuali credenti, ha organizzato insieme a gruppi equipollenti di Reggio Emilia e Piacenza una veglia di preghiera che si terrà on line alle 16.30 e sarà incentrata sul versetto 3,28 di una lettera scritta da San Paolo ai Galati. Le tre associazioni di omosessuali credenti e le associazioni dei loro genitori pregheranno insieme per le vittime dell’omofobia ed in particolar modo affinché la Chiesa sia più inclusiva ed accogliente.

Il programma della veglia prevede un canto introduttivo ” Gesù e la samaritana”, un’introduzione curata dalla suora francescana E.Solmi di Bologna dopo la quale ci saranno due testimonianze una sul dolore dell’emarginazione e l’altra sul confronto dell’accoglienza. Segue la proclamazione del Vangelo che sarà curata dalla pastora metodista Noemi Falla e successivamente ci sarà una riflessione di Don Guerrino Franzoni.

In conclusione, prima di terminare con un ecumenico Padre Nostro, ci saranno condivisioni, risonanze e preghiere da parte di chi sarà collegato.
Per partecipare sarà sufficiente mandare una mail all’indirizzo: spiritualita.arcobaleno@gmail.com.

Insomma la pandemia covid-19 non ha frenato gli entusiasmi e l’impegno dei gruppi Lgbt di Parma che si sono organizzati in modo che nonostante le difficoltà, si possa condividere il ricordo di chi è stato vittima dell’altrui omofobia e si possa essere uniti per il superamento di ogni forma di violenza.

Raffaele Crispo