Emiliano Occhi, consigliere regionale Lega: assicurare il trasporto a tutti gli studenti

I consiglieri del Carroccio ribadiscono che il mondo dell'istruzione "post Coronavirus" ha bisogno di investimenti da parte della Regione

La Regione lavori affinché il trasporto scolastico sia in grado di assicurare il servizio a tutti gli studenti fin dal primo giorno di ripresa delle lezioni a settembre. A chiedere interventi puntuali a seguito delle nuove norme imposte dalla necessità di contrastare la diffusione del Coronavirus sono i consiglieri della Lega, con un’interrogazione a prima firma Emiliano Occhi.

“Con l’obbligo stabilito di applicare sui mezzi pubblici le normative antiCovid, che stabiliscono il rispetto del distanziamento sociale, si prevede che la diminuzione di posti disponibili varierà dal 50% al 60% della capienza massima di ogni mezzo e sarà pertanto necessario aumentare notevolmente le corse”, spiegano i leghisti per i quali “le aziende di trasporto pubblico, già provate da gravi perdite economiche per le conseguenze del lockdown, hanno assoluta necessità di finanziamenti ad hoc e ulteriori rispetto a quelli ordinari per organizzare l’attività di trasporto scolastico rispettando le misure per il contenimento dell’epidemia”.

Da qui l’atto ispettivo per sapere dall’esecutivo regionale “se e in quale maniera si stia attivando per adeguare fin dall’inizio dell’anno scolastico e nel rispetto delle misure per il contenimento dell’epidemia di Covid-19 il trasporto pubblico alla ripresa della frequenza scolastica in presenza e se intenda sostenere anche con risorse proprie l’aumento delle corse scolastiche dei mezzi di trasporto pubblico”.

L’interrogazione è sottoscritta anche dai consiglieri Fabio Rainieri, Daniele Marchetti, Simone Pelloni, Michele Facci, Andrea Liverani, Valentina Stragliati, Maura Catellani, Matteo Rancan, Gabriele Delmonte, Massimiliano Pompignoli, Matteo Montevecchi, Stefano Bargi e Fabio Bergamini.