“Focus è contro gli inceneritori”

29/04/2011
h.13.20

Gli inceneritori sono impianti per l’eliminazione dei rifiuti urbani attraverso la combustione. Il calore ottenuto da questa può essere sfruttato per scaldare il calore che mette in moto delle turbine, così da produrre energia elettrica e teleriscaldamento.
Fumi tossici. Durante la combustione si producono numerose sostanze inquinanti e dannose per la salute dell’uomo. Sebbene la ricerca permetta la produzione di filtri sempre più efficienti, infatti, nei fumi rilasciati n atmosfera si rilevano diverse sostanze tossiche: diossina, furano, metalli pesanti (piombo, cadmio, mercurio), acido cloridrico, monossido di carbonio, ossidi di azoto, ammoniaca, anidride solforosa, carbonio organico totale, oltre a polveri di vario genere, polveri sottili e nanopolveri.
Queste sostanze sono dannose e possono causare patologie acute e croniche a carico dell’apparato respiratorio (asma, bronchiti, tumori) e cardiocircolatorio alla popolazione che vive nelle aree limitrofe.
Infine, va fatto notare che i controlli effettuati periodicamente per legge tengono conto della concentrazione delle sostanze inquinanti nei fumi al metro cubo, ma non della quantità e dell’impatto complessivo delle emissioni in atmosfera, quelle che contribuiscono all’effetto serra.
Fin qui il numero 27 di Focus Domande & Risposte della primavera 2011, edito da Mondadori.
Una rivista non certo “talebana” ne eccessiva nel porre le proprie riflessioni e risposte ai tanti quesiti che accompagnano la quotidianità di noi tutti.
Un intervento che invece non lascia dubbi sul reale impatto di questi impianti insalubri su ambiente e persone.
Focus è semplice nel chiarire i lati positivi (la produzione di energia) accompagnati però da una serie di risvolti negativi che cancellano il vantaggio iniziale di recupero di una piccola percentuale di energia dai rifiuti inceneriti.
Sebbene la ricerca… (le famose Bat se ne vanno in soffitta), nei fumi persistono sostanze tossiche, diossine, furani, metalli pesanti…
L’equazione è presto fatta. La pericolosità di queste sostanze è nota da lungo tempo e note sono le patologie che il venire a contatto con queste molecole comporta: asme, bronchiti, tumori, nelle aree limitrofe.
A noi viene sempre in mente nonno Allodi, che quasi beffardo consigliava l’investimento immobiliare nei pressi di Ugozzolo, sede del costruendo impianto, paragonandolo alla casa in montagna, aria pulita e respiri profondi.
Oggi chi rimane a sostenere l’innocuità di questi impianti?

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma – GCR

Commenta l’articolo: clicca qui!
___
Approfondimenti:
Ci impiccheranno con una corda d’oro… un privilegio raro
E’ incredibile! Pure la rete di teleriscaldamento dell’inceneritore sarebbe illegittima!
E vai!… ci mancava pure il ricorso al Tar sull’appalto del sistema elettrico dell’inceneritore…
Diffidato l’ATO: “Illegittimi tutti i contratti sui rifiuti affidati ad Iren senza gara d’appalto!”
La Commissione Europea ha aperto un procedimento di infrazione contro l’inceneritore di Parma
No pasarán!
Nessun indennizzo sarebbe dovuto ad Iren se non si facesse più l’inceneritore
Iren racconta menzogne ai parmigiani: il suo direttore generale sia mandato a casa!
Il pacco
La Provincia ha confezionato un’autorizzazione dell’inceneritore su misura per Iren
Al rogo l’inceneritore. Le ragioni di due esposti
Viero non dice la verità
Perchè l’inceneritore è solo un enorme affare
I costi dell’inceneritore crescono da 132 a 171 milioni… fino a 216 a discrezione di Iren
“Non esiste un Piano Economico e Finanziario dell’inceneritore approvato”

lombatti_mar24