Parma intitola una via a Ilaria Alpi

steam1121

02/02/2009
h.12.50

Una via di Parma per ricordare Ilaria Alpi. È stata intitolata oggi durate una sobria ma intensa cerimonia, alla presenza degli assessori Costantino Monteverdi e Lorenzo Lasagna, del presidente Quartiere Cortile San Martino Giuseppe Pionetti, oltre a due cugini della giornalista scomparsa.
Via Ilaria Alpi si trova all’interno del Peep Paradigna, nel Quartiere Cortile San Martino. Un’intitolazione che, su proposta della commissione consultiva per la toponomastica del Comune di Parma, è stata fortemente sostenuta dall’assessore con delega alla Toponomastica Costantino Monteverdi.
Si tratta di una ex via privata divenuta pubblica, e pertanto intitolata, che trova luogo in un quartiere in cui tante vie sono intitolate a donne celebri, quali ad esempio Matilde Serao, Golda Meir, Maria Callas, Virginia Woolf, Sarah Bernhardt, Elsa Morante, Rosa Luxemburg, Ada Negri, Katharine Mansfield e altre ancora.
Nata il 24 maggio 1961, Ilaria Alpi era una giornalista del Tg3 conosciuta e stimata anche nella nostra città in virtù del fatto che il nonno di Ilaria era originario di Compiano, in alta Val Taro. Ilaria Alpi ha perso la vita nel 1994, a Mogadiscio, in Somalia, barbaramente assassinata insieme all’operatore Miran Hrovatin in circostanze mai del tutto chiarite.
La scelta di intitolare una strada a Ilaria Alpi – ha affermato l’assessore con Costantino Monteverdi intende essere un messaggio forte affinché tutti, in particolare i giovani, possano prendere esempio da una persona che amava profondamente il proprio lavoro, che svolgeva con passione e dedizione, una persona disposta ad affrontare anche situazioni di pericolo pur di conoscere la verità.
È quindi con convinzione ed orgoglio che Parma ha scelto di intitolare una strada, oltre a una biblioteca internazionale, alla memoria di questa grande giornalista.
Da ultimo, è bello sottolineare il legame di Ilaria Alpi con il territorio di origine dei genitori, la Val Taro. Questa comune appartenenza riempie di orgoglio tutti coloro che dalla valle provengono
”.