Scoperto a Fontevivo un giro di furgoni rubati: tre denunce per riciclaggio e ricettazione

confartigianatomaggio
Contabile_giugno24

In data 2 ottobre 2023, in esecuzione di un’ordinanza cautelare emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Parma, su richiesta della Procura della Repubblica di Parma, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Parma hanno sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria un uomo 57enne residente a Fontevivo, gravemente indiziato dei reati di riciclaggio e ricettazione di veicoli proventi di furto.

L’articolata e meticolosa attività investigativa ha trovato spunto ed avvio da una intuizione dei militari della Stazione Carabinieri di Soragna che, il 15 dicembre 2022, avevano avuto notizia che un furgone rubato nel milanese era transitato in Soragna, avviando mirate ricerche del mezzo in questione.

Nel tardo pomeriggio, al termine di una verifica effettuata in un cascinale in ristrutturazione, i Carabinieri rinvenivano, sotto la barchessa, quattro furgoni parcheggiati regolarmente e risultati poi di provenienza delittuosa; nessuna persona era presente.

Il successivo, meticoloso sopralluogo effettuato in quell’area aveva comunque permesso di accertare che proprio in quel luogo era in corso un’attività di riciclaggio di mezzi rubati.

In particolare su due furgoni, un Fiat Ducato Maxi ed un Nissan Cabstar, erano state sostituite le targhe originali con una di comodo, mentre dal telaio si era appurato che si trattava di due veicoli rubati a Pero (MI) qualche giorno prima e a Segrate nel precedente mese di luglio.

I lavori sul terzo e quarto veicolo invece, erano più avanzati; oltre alle targhe era stato cambiato anche il numero di telaio.

In un caso la provenienza delittuosa è stata verificata da un residuo di adesivo, non ancora rimosso da uno sportello, attraverso il quale si è risaliti alla ditta proprietaria del mezzo rubato a Milano appena tre giorni prima. Il quarto mezzo invece, dopo verifiche incrociate è risultato rubato, sempre nella città meneghina, una settimana prima.

Oltre ai mezzi, i Carabinieri ponevano sotto sequestro cospicua attrezzatura da carrozziere, una pistola abrasiva, una pistola termica, dello spray per rimozione etichette ed altro, elementi incontrovertibili che attestavano come, proprio in quel luogo, si svolgesse l’illecita attività di riciclaggio dei mezzi, oltre che quella di occultamento di un mezzo rubato.

 

† Terra Santa 9 – Nei Vangeli portò la croce di Gesù, per gli gnostici morì in croce al suo posto. Simone di Cirene entra nella Storia (di Andrea Marsiletti)

 

L’attività investigativa -portata avanti attraverso le attività tecnica, plurimi servizi di osservazione, pedinamento e controllo, analisi sistemi di videosorveglianza- ha permesso di individuare plurimi, gravi, precisi e concordanti indizi di reità nei confronti del 57enne di Fontevivo.

Altro particolare emerso è stato quello legato alle targhe apposte sui veicoli rubati, tutte riconducibili ad aziende prossime all’indagato, tanto che mai ne hanno denunciato lo smarrimento né le hanno reclamate dopo i sequestri.

L’attività d’indagine ha permesso inoltre di trovare nelle disponibilità dell’indagato un furgone, intestato proprio ad una sua società, che, sottoposto a controllo, è poi risultato avere numero di telaio contraffatto, risultando al termine delle verifiche rubato nel 2021 in provincia di Milano. In questo caso, con uno stratagemma al mezzo erano state apposte delle targhe con codici alfanumerici più recenti e compatibili con l’anno di produzione del mezzo, per destare meno sospetto durante i controlli da parte delle forze di polizia.

Le indagini infine, hanno riguardato un sesto veicolo, con targhe e telaio modificati, ma che per via delle più recenti tecnologie introdotte dalla casa produttrice, l’indagato non riusciva ad avviare per poi inserirlo nella flotta di veicoli a disposizione. I Carabinieri, anche in questo caso, con un escamotage sono riusciti a svolgere delle verifiche sul mezzo accertando che lo stesso, intestato alla società dell’indagato, ma recante i loghi di una ditta di noleggio mezzi gestito dal figlio del 57enne, era stato rubato nel milanese qualche anno prima.

Contestualmente all’esecuzione della misura cautelare, sono stati svolte tre perquisizioni locali e telematiche, nei confronti del 57enne, di uno dei suoi figli e di un artigiano, tutti indagati per riciclaggio e ricettazione. L’attività ha consentito di sequestrare 12 mezzi, 7 dei quali risultati rubati nel milanese e 5 con evidenti anomalie nell’estetica rispetto ai modelli corrispondenti all’anno di immatricolazione, nei cui confronti sono in corso ulteriori verifiche.

Il Procuratore della Repubblica dott. Alfonso D’Avino

lodi_maggio24
SanMartino
kaleidoscopio
Casa Bambini