Rainieri (Lega): “Le passerelle elettorali per la Parmalat non servono”

“Ben vengano tutte le iniziative istituzionali finalizzate a salvaguardare i lavoratori di Parmalat e il suo indotto dalle conseguenze negative della riorganizzazione aziendale ed anche che la Regione Emilia-Romagna assuma un ruolo determinante nel confronto che si deve aprire con i vertici di Lactalis. Ma è anche fondamentale, affinché la stessa riorganizzazione non produca conseguenze negative sul territorio, che non diventi occasione di polemica politica o, ancora peggio, per passerelle elettorali”. È quanto ha dichiarato il Vice Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna ed esponente della Lega, Fabio Rainieri, in merito alla visita fatta a Collecchio dal Presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini per approfondire le dinamiche della riorganizzazione aziendale preannunciata da Lactalis.

“La settimana scorsa ho appunto presentato un’interrogazione per stimolare la Giunta regionale ad avere un ruolo attivo in questa vicenda – ha quindi proseguito il Consigliere regionale leghista – Ora occorre che tutte le istituzioni e i soggetti interessati a preservare il lavoro e gli altri aspetti economici e sociali legati a questa grande e storica realtà produttiva, marcino uniti. Non credo, invece, che siano più di tanto utili molteplici incontri esclusivamente con gli esponenti del PD, come l’ultimo con lo stesso Bonaccini, l’Assessore Costi e il deputato Orlando che ha seguito di pochi giorni quello a cui era presente sempre Orlando con il suo collega Martina e l’Assessore regionale Caselli. La posta in gioco, infatti, è così alta, essendo a rischio importanti livelli occupazionali e un indotto enorme soprattutto per l’agroalimentare, che la battaglia la si può vincere solo insieme, senza cercare scarichi di responsabilità o ulteriori allarmismi sui rapporti con la Francia”.