Torrile, Bonaccini: “Fadda merita la riconferma”

Serata a Torrile per il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini. Accompagnato dai consiglieri regionali del Partito Democratico Barbara Lori e Massimo Iotti, Bonaccini ha fatto tappa al campo sportivo “Alessandro Anzola” di San Polo di Torrile per visitare l’impianto, incontrando anche il presidente della ASD San Polo Calcio Andrea Rizzoli; e assistere ad un momento ludico-sportivo dei tornei di calcio giovanile, cui partecipano bambini di tutte le età.

Successivamente si è recato nella sede di Torrile Obiettivo Comune, dove era atteso dai cittadini per un incontro a sostegno del candidato sindaco Alessandro Fadda. Incontro che è stato aperto da Nicola Cesari, segretario del Partito Democratico provinciale.

In un momento in cui l’Italia sta scivolando verso la recessione, la crescita è a malapena dello 0,2%, il debito pubblico aumenta e l’economia del paese è in sofferenza diventa fondamentale, secondo Bonaccini, che i cittadini delle singole realtà locali valutino bene le proprie scelte alle imminenti elezioni amministrative di domenica. Le parole del presidente sono ben chiare e non lasciano spazio alle interpretazioni: “Occorre che i cittadini si chiedano se abbia senso rischiare un’avventura indefinita oppure proseguire in una solida esperienza di amministrazione comunale come quella uscente di Fadda, che in questi anni ha ottenuto finanziamenti certi su progetti che per Torrile sono prioritari e innalzano notevolmente la qualità della vita delle persone che vi abitano”.

Bonaccini ricorda poi la forza dei cittadini emiliano-romagnoli nel settimo anniversario del terribile sisma che colpì la regione: dopo quella tragedia, che causò 45 mila sfollati, oggi 9 famiglie su 10 sono tornate a vivere nelle loro case; nonostante le oltre 10 mila imprese colpite, vi sono oggi 22 mila posti di lavoro in più; la ricostruzione (sia pubblica che privata) è stata completata da 29 comuni su 59 e quella zona – nonostante i 14 miliardi di euro di danni subiti – ha oggi un PIL del 2,4% (più di quello antecedente la tragedia).

“Quando collaborano istituzioni, imprese, mondo del lavoro, forze dell’ordine i risultati arrivano – dichiara – : siamo la prima regione in Italia per crescita da quattro anni consecutivi; e la prima nell’export per quota pro-capite. E il merito è degli straordinari imprenditori appartenenti alla nostra regione e della loro manodopera con cui realizzano, nelle loro aziende, prodotti di qualità superiore a quelli del resto del mondo”.

Il presidente pone infine l’accento sulla più grande e più vera caratteristica delle forze democratiche di centrosinistra quando si fanno istituzione, cioè quella di non lasciare mai indietro nessuno, di essere punto di riferimento per tutti, di rappresentare ogni singolo cittadino: “Noi siamo di passaggio, le istituzioni restano. E una istituzione la si guida anche per rappresentare coloro che non ti voteranno mai; perché è fondamentale per il territorio che si amministra prescindere dall’appartenenza politica”.

Chiaro il riferimento: è lecito e legittimo che ognuno faccia la propria campagna elettorale; ma non si possono accettare illazioni e i cittadini devono stare attenti al fumo che si getta loro negli occhi. “Credo che occorra tornare ad una visione della politica nella quale ci si debba misurare contro avversari e non contro dei nemici – sottolinea in chiusura Bonaccini – perché si dice sempre che ‘se vuoi andare veloce, va da solo; ma se vuoi andare lontano, allora vai insieme’; e se guardo ad Alessandro, al suo modo di amministrare, alla sua pacatezza nel parlare con tutte le persone, non posso che pensare al suo slogan ‘Tempo di Futuro’: perché ravviso fortemente, per ognuno di voi cittadini, che con lui ci sono davvero tutte le condizioni per continuare a guardare al Futuro con fiducia”.

DICHIARAZIONI

BONACCINI: “Occorre che i cittadini si chiedano se abbia senso rischiare un’avventura indefinita oppure proseguire in una solida esperienza di amministrazione comunale come quella uscente di Fadda, che in questi anni ha ottenuto finanziamenti certi su progetti che per Torrile sono prioritari e innalzano notevolmente la qualità della vita delle persone che vi abitano. Credo che occorra tornare ad una visione della politica nella quale ci si debba misurare contro avversari e non contro dei nemici; e se guardo ad Alessandro, al suo modo di amministrare, alla sua pacatezza nel parlare con tutte le persone, non posso che pensare al suo slogan ‘Tempo di Futuro’: perché ravviso fortemente, per ognuno di voi cittadini, che con lui ci sono davvero tutte le condizioni per continuare a guardare al Futuro con fiducia”.

FADDA: “Lavorando tutti insieme, in sinergia tra i vari territori, noi amministratori locali abbiamo conseguito risultati importanti per i nostri cittadini. A Torrile le aziende continuano a investire e la Regione Emilia-Romagna dimostra di credere nei nostri progetti, come quelli di riqualificazione e rigenerazione urbana, per cui abbiamo ricevuto oltre un milione di euro. I risultati sono merito di tutti: assessori, consiglieri, cittadini stessi che, come noi e insieme a noi, hanno creduto e credono in un paese migliore. E avere stasera ospite il presidente della Regione Emilia-Romagna fa la differenza, perché conferma quella che è la vicinanza delle istituzioni al nostro paese”.

CESARI: “Alessandro Fadda è un sindaco che, con coraggio e determinazione, si ricandida mettendoci ancora la faccia e credendo fortemente nei progetti di rigenerazione urbana che miglioreranno ulteriormente il territorio”.