Ascom presenta il nuovo Gruppo Parmense Pizzerie di Qualità

Eccellenza delle materie prime, lavorazioni artigianali e utilizzo dei prodotti locali per una pizza che incontra i gusti di chi ama la tradizione ma anche di chi predilige abbinamenti creativi. A impegnarsi per la valorizzazione sul nostro territorio di uno dei cibi italiani più amati, sarà il nuovo Gruppo Parmense Pizzerie di Qualità, costituito all’interno di FIPE Parma – Federazione Italiana Pubblici Esercizi aderente ad Ascom.

Alla conferenza stampa di presentazione, dopo i saluti introduttivi del Direttore Ascom Claudio Franchini, è intervenuto Ugo Bertolotti, Presidente FIPE provinciale, che ha sottolineato la volontà della Federazione di estendere anche al settore delle pizzerie il proprio impegno di promozione e valorizzazione di più segmenti della cucina locale. “La pizza, uno degli orgogliosi simboli della cucina italiana, è un prodotto che anche a Parma raggiunge elevati livelli di qualità – ha affermato Bertolotti – Come Gruppo, crediamo quindi che coinvolgere i maestri pizzaioli nelle diverse attività svolte a livello locale e nazionale sia fondamentale per esaltare il nostro patrimonio culinario, in particolare in vista dei prossimi grandi eventi tra cui il Settembre Gastronomico che vedrà anche la loro partecipazione attiva”.

“Partiremo dai principi stilati del nostro decalogo – ha aggiunto Enzo De Santis, titolare Ristorante Pizzeria Il Gabbiano e referente del Gruppo – per estendere l’invito anche a tutte le altre attività che condividendo i nostri valori potranno aderire al gruppo. Lavorando insieme e unendo le forze, auspichiamo di diventare un punto di riferimento per tutti gli imprenditori del settore”.

Gian Matteo Tintori, titolare Pizzeria Dal Teo e responsabile comunicazione del Gruppo Pizzerie, ha poi concluso: “Il Gruppo, formato ad oggi da nove pizzerie di Parma e provincia, condivide un decalogo di principi da osservare in merito a lavorazione dell’impasto, scelta dei prodotti e qualità del servizio e lavorerà sinergicamente con FIPE per realizzare sempre nuove proposte e iniziative specifiche. Tra queste, oltre a rapporti di collaborazione con le filiere locali del settore agroalimentare, anche corsi formativi tra cui ad esempio lingue straniere, accoglienza ma anche social media marketing, per essere in grado di offrire ai nostri clienti un servizio sempre più curato. Inoltre, siamo già all’opera per definire la “Pizza Parma” che non solo diventerà un marchio distintivo del Gruppo, ma renderà anche onore al territorio parmense grazie all’utilizzo di materie prime locali di eccellenza”.

Il Gruppo Parmense Pizzerie di Qualità: Al Fornello, Parma; Dal Teo, Parma; Dipinto di Mare, Corcagnano; Il Gabbiano, Parma; Il Porfido, Collecchio; L’Incontro, Salsomaggiore Terme; La Zagara, Parma; Otto Mulini, Trecasali; San Martino, Parma.

Decalogo Gruppo Parmense Pizzerie di Qualità

Possedere licenza di somministrazione
Essere socio Ascom Parma
Utilizzare esclusivamente farine italiane non semilavorate
Utilizzare esclusivamente pomodoro italiano
Utilizzare esclusivamente mozzarella italiana fiordilatte o di qualità equivalente
Utilizzare esclusivamente olio EVO italiano
Utilizzare salumi/formaggi locali o di altre aree geografiche italiane riconosciute per il prestigio dei propri prodotti o esteri di alta e riconosciuta eccellenza
Utilizzare tempi e lavorazioni tali da garantire adeguati standard qualitativi degli impasti
Non aggiungere glutine, miglioratori chimici o conservanti agli impasti
Non utilizzare basi di pizze e lavorare la pasta sul luogo in cui questa viene somministrata
Non utilizzare macchine a rulli o a pressione per la spianata della pasta
Avere il menù in lingua inglese
Dare disponibilità ad inserire in menù la “Pizza Parma”: tipologia di pizza ideata dal gruppo e volta a dare visibilità e prestigio al gruppo stesso
Impegnarsi a non utilizzare più il logo del gruppo nel caso in cui l’azienda esca dal gruppo stesso
Accettare insindacabilmente la decisione che il Comitato Promotore esprimerà in merito alla candidatura

top50_dic2018