Tre smartphone nella cella di un detenuto al 41bis nel carcere di Parma. Lo sgomento di Guernelli (M5S)

Nessun contatto con l’esterno, colloqui con i familiari limitati e controllati, isolamento dagli altri detenuti.

In poche parole, il carcere duro riservato a boss e mafiosi per evitare che comunichino con gli affiliati liberi.

Invece, il boss che per anni si è finto pazzo, percependo anche la pensione di invalidità, aveva tre smartphone in cella al 41bis.

La scoperta è stata effettuata nel carcere di massima sicurezza di Parma, dove da mesi è detenuto Giuseppe Gallo, noto negli ambienti della camorra napoletana con i soprannomi «scignetella» e «Peppe ‘o pazzo», 43enne di Boscotrecase e capo del clan Gallo-Limelli-Vangone di Boscotrecase, una delle cosche più ricche, potenti e feroci della provincia.

___

Come consigliere del Movimento 5 stelle di Colorno esprimo sgomento davanti alla notizia del ritrovamento di ben 3 cellulari nella cella di uno dei più importanti boss della camorra, Giuseppe Gallo detto “Peppe o pazzo”, detenuto al 41 bis presso il carcere di Parma.

Allo stato risulta sia la prima volta che un detenuto sottoposto al 41 bis venga trovato in possesso di telefonini.

Ricordiamo che già negli anni passati questo carcere fu al centro di fatti particolari, come i black out avvenuti tra il 2014 e il 2015.

E non posso inoltre dimenticare come il nostro territorio sia a forte rischio di infiltrazioni criminali, in particolare da parte della ndrangheta, ma anche dalle altre organizzazioni criminali quali camorra, appunto, e mafia.
Bene pertanto ha fatto il governo nazionale a rispondere positivamente all’interrogazione presentata dall’on. Zanichelli (5 Stelle) in cui si chiedeva un intervento sull’aumento degli organici nel carcere di Parma e l’installazione di sensori atti a rilevare onde elettromagnetiche e bene ha fatto l’ on. Ascari (5 stelle) a chiedere ulteriori interventi e sopratutto ad agire con urgenza visto quest’ultimo, triste, episodio.

Sulla lotta alla mafie nessun passo indietro.

Simone Guernelli (M5S Colorno)