Occhi: “Da Pizzarotti tante belle parole”. Rainieri: “Si autocelebra”

“Ho trovato il discorso di Pizzarotti piuttosto deludente. Tante belle parole (LEGGI), ma la sostanza è che da anni il sindaco non si occupa della città se non per eventi che facciano da palcoscenico per se stesso e le sue smodate ambizioni politiche.

Come sempre la sostanza delle sue parole e azioni non ha a che fare con il bene della città, ma con le sue convinzioni e ambizioni politiche personali.

Questo Sant’Ilario non ha fatto eccezione: attestati, premi e discorso ufficiale vengono usati per nascondere la realtà della città. Premia il lodevole lavoro del delegato dell’Università per le fasce deboli, mentre lui taglieggia i disabili con rette più alte del dovuto. Parla di ambiente, ma il verde pubblico in città è abbandonato, le piste ciclabili impraticabili, l’inceneritore brucia di tutto e di più.”

Così Emiliano Occhi, capogruppo della Lega in Consiglio Comunale sul discorso di Sant’Ilario del sindaco di Parma.


SANT’ILARIO. RAINIERI (LEGA): “PIZZAROTTI SI AUTOCELEBRA E DENIGRA LA LEGA PER SCOPI ELETTORALI”

“Un discorso di scarso profilo perché, avendo un chiaro obiettivo elettorale, è sfociato nell’autocelebrazione e nella denigrazione dell’avversario”. È questo il commento di Fabio Rainieri, Vice Presidente dell’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna e capolista della Lega alle prossime elezioni regionali del 26 gennaio, riguardo il discorso di Sant’Ilario del sindaco Pizzarotti.

“Pizzarotti avrebbe dovuto pronunciare un discorso istituzionale, sopra le parti, invece ha ripetutamente affermato, riferendosi alla Lega, che Parma deve combattere una forza politica che guarda solo al passato e che nutre sentimenti di divisione ed esclusione – ha proseguito Rainieri – Chi divide ed esclude è proprio lui che non tiene nemmeno conto di come la pensa la sua cittadinanza dove da due anni la Lega è il primo partito e lo sarà ancora per molto tempo. Al di là della grande opportunità che Parma ha ottenuto come Capitale italiana della cultura, alla quale la Lega non ha fatto mancare il suo contributo determinante, questa è una città peggiorata in benessere rispetto al passato, con tanti, troppi problemi, la cui responsabilità è quasi sempre di Pizzarotti e del suo alleato Bonaccini in Regione. Per dirne solo alcuni basta pensare alle rette gonfiate per disabili e anziani, all’ASP in dissesto ed al declino dell’Ospedale Maggiore portato avanti dal PD regionale a cui Pizzarotti si è mai guardato bene di opporsi. Il 26 gennaio anche i parmigiani avranno comunque l’occasione di cominciare a liberarsi di questi cattivi amministratori, iniziando dal togliere alla sinistra la Regione Emilia-Romagna”.