INTERVISTA – Giorgetti (Lega): “Salvini fa campagna elettorale in Emilia Romagna come prima la faceva il Partito Comunista”

Nella foto, da sinistra: Giancarlo Giorgetti, Tommaso Fiazza, Fabio Rainieri

ParmaDaily ha intervistato Giancarlo Giorgetti, vicesegretario federale della Lega, sui temi dell’attualità politica nazionale e regionale.

Queste elezioni regionali dell’Emilia Romagna sembrano essere più “politiche” delle elezioni politiche…

Chi sostiene che queste regionali non abbiano un risvolto politico dice una cosa che non sta nella realtà: piaccia o non piaccia, il 26 gennaio tutta Italia guarderà al risultato in Emilia Romagna e molti resteranno svegli tutta la notte per conoscerlo.

Conte sostiene che il Governo andrà avanti anche in caso di sconfitta del centrosinistra alle elezioni in Emilia Romagna.

Già, Conte si vanta di avere una maggioranza di gente disperata, ancorata alla poltrona, che ha una paura matta di tornare a votare. A partire dal Pd, sono tutti consapevoli che perderebbero. Una vittoria del centrodestra in Emilia Romagna sarebbe la conferma della nostra forza e della loro debolezza e cercheranno disperatamente di attaccarsi ancora di più alla sedia. Ma questa è la negazione della politica. La gente non ha capito e continua a non capire come sia nato questo Governo. In questi quattro mesi di confusione il Conte 2 non ha deciso nulla e ha rinviato tutto, e quando ha deciso qualcosa ha sbagliato tutto.

A sinistra criticano una campagna elettorale nella quale Salvini si sta sostituendo alla Borgonzoni. Non è anomalo?

Innanzitutto voglio dire che la Borgonzoni sta facendo la sua campagna elettorale… dopodichè Salvini, differentemente da Zingaretti, Di Maio o altri, fa campagna elettorale perchè non ha vergogna di farla. I leader del centrosinistra non si vedono non sanno quale messaggio portare nè spiegare cosa fanno e perchè. Salvini va nelle piazze dell’Emilia Romagna allo stesso modo di come ci è andato in Umbria e ovunque si sia votato, perchè la politica è sempre stata così. Salvini interpreta la politica non “di palazzo” ma in mezzo alla gente, nelle piazze. E’ una modalità tradizionale che la gente apprezza e, al di là di qualche sabotaggio, trova sempre tanta gente e tanta simpatia. In particolare ha sempre fatto così il Partito Comunista in Emilia Romagna riscuotendo tanti consensi. Il Pd non sta in mezzo alla gente e il suo consenso è diminuito.

Salvini non si vergogna di fare campagna elettorale, a differenza di Zingaretti e Di Maio

Che opinione ha maturato sul tentativo di spostare a dopo le regionali la decisione sull’autorizzazione a procedere contro Salvini sul caso Gregoretti?

Non hanno il coraggio di prendere una decisione contro Salvini perchè sanno che la gente simpatizzerebbe con lui. Ciò significherebbe che gli atti compiuti da Salvini quando era Ministro degli Interni erano fortemente appoggiati dal popolo italiano. E’ un tentativo di fermare lo spostamento di consenso verso Salvini. Ma la loro è una missione impossibile, perchè la tendenza elettorale è evidente, confermata da tutte le elezioni che si sono tenute in epoca recente.

Quindi la Lega è convinta di vincere qui in Emili Romagna?

Noi stiamo facendo la nostra battaglia, con gli strumenti che abbiamo, che non sono tanti. Evidentemente abbiamo contro tutta la grande stampa e i grandi media, oltre che tutti i benpensanti che ci fanno lezioni di bon ton e di capacità amministrativa. Combattiamo a mani nude… però talvolta Davide batte Golia… e quando Davide batte Golia è una grande soddisfazione.

Andrea Marsiletti