Il Battistero si tinge di rosa

Lombatti

30/09/2013
h.14.50

 
Martedì 1 ottobre, alle19, il Battistero si illuminerà di rosa per tutto il mese di ottobre. L’evento rientra nelle iniziative previste nell’ambito della ventesima edizione della campagna “Nastro Rosa”: il mese della prevenzione del tumore al seno che si svolge all’insegna dello slogan, “Prevenire è vivere”.
L’iniziativa è promossa dalla Lilt – Lega Italiana Lotta contro i tumori di Parma, con il patrocinio dell’Ausl, Azienda ospedaliero universitaria, Comune di Parma, Provincia di Parma, Ordine dei medici e Università di Parma. L’obiettivo è quello di sensibilizzare e informare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, uno dei fattori che incide maggiormente nella mortalità femminile.
Alla cerimonia, prevista in piazza Duomo alle 19, saranno presenti rappresentanti dei vari soggetti coinvolti, per il Comune parteciperà l’assessore al welfare Laura Rossi.
Oltre al Battistero verranno illuminati di rosa anche l’ingresso dell’Ospedale Maggiore e la sede del Distretto di Parma dell’Ausl in viale Basetti, oltre ai luoghi simbolo di 23 Comuni della provincia.
Nel corso del mese di ottobre, mese della prevenzione, sono in programma diverse azioni concrete come le mammografie gratuite e visite senologiche gratuite, accanto ad iniziative culturali e ricreative.

NASTRO ROSA 2013
Giunta alla sua ventesima edizione, torna anche quest’anno, la campagna “Nastro Rosa” per la prevenzione del tumore al seno.
Oggi la presentazione delle iniziative in città e in numerose località della provincia, organizzate dalla Lega Italiana Lotta contro i Tumori, LILT sezione provinciale di Parma, con il patrocinio di Azienda USL, Azienda Ospedaliero-Universitaria, Comune di Parma, Provincia di Parma, Ordine dei Medici e Università di Parma.
Iniziative come questa – ha esordito Ettore Brianti, direttore sanitario Ausl Parma presentanto la nuova edizione di Nastro Rosa – sono perfettamente in linea con le indicazioni della Regione Emila-Romagna, che da anni promuove lo screening per la prevenzione del tumore al seno, unitamente agli altri due programmi di screening, per la prevenzione dei tumori al collo dell’utero e al colon retto. Le due Aziende sanitarie, con il Centro Bagnasco e il Centro senologico stanno andando sempre più verso un’integrazione del percorso diagnostico e terapeutico, con l’obiettivo della presa in carico della donna con neoplasia al seno”.
L’Azienda Ospedaliero-Universitaria – ha aggiunto Giovanna Campaniello, Responsabile Governo clinico Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma – anche quest’anno è a fianco di LILT insieme all’AUSL, a Comune, Provincia, Università e Ordine dei Medici, per sostenere la campagna Nastro rosa. E’ ormai una costante, una bella scadenza, che diventa ogni anno una nuova occasione di impegno e di sfida, per coinvolgere e sensibilizzare verso l’importanza della prevenzione sempre più donne, che si devono affidare con fiducia ai professionisti delle due Aziende sanitarie”.
Tante le iniziative in programma. “Ottobre mese della prevenzione contro i tumori al seno – ha illustrato Stefania Pugolotti, Presidente LILT – con la campagna “Nastro rosa” è alla sua xx edizione. Un’iniziativa promossa e realizzata in diversi Paesi del mondo, non solo in Italia e a Parma. Anche quest’anno, presentiamo un calendario molto ricco di eventi ricreativi in città e provincia, iniseme a visite e mammografie gratuite, offerte da Azienda USL e Azienda Ospedaliero-Universitaria. Si inizia già domani, primo ottobre, con l’illuminazione in rosa del Battistero, della sede del distretto di Parma dell’AUSL di viale Basetti e della facciata dell’Ospedale Maggiore”.
Obiettivo della campagna è dunque sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile sugli stili di vita corretti e sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare. Il tumore al seno resta il “big killer” numero uno per la donna. La sua incidenza è in costante aumento. Un incremento dovuto all’allungamento dell’età media della popolazione femminile e all’aumento dei fattori di rischio
La prevenzione è sicuramente lo strumento migliore – ha infatti sottolineato Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune di Parma – Il Comune di Parma, anche quest’anno, è a fianco di Lilt, per sostenere questa bella e importante campagna, che vede impegnate le due Aziende sanitarie sul fronte della prevenzione e della cura”.
Ancora una volta – ha proseguito Marcella Saccani, Assessore alle Politiche Sociali Provincia di Parma – il Volontariato gioca un ruolo importante. Ringrazio LILT e tutti i partner dell’iniziativa, perchè anche quest’anno sono riusciti a realizzare un programma intenso e che coinvolge tanti interessi e ambiti, come mostre, cinema, teatro…in questo modo, si riesce a fare cultura della prevenzione, grazie alla cultura”.
La prevenzione – ha concluso Maurizio Falzoi, Direttore Sanitario Poliambulatorio Dalla Rosa Prati – è lo strumento migliore per tutelare la salute. E’ un mezzo efficace e importante, anche per la diagnosi precoce, che porta quasi sempre alla completa guarigione. L’Ordine dei Medici dà sostegno a iniziative come questa, perchè crede in questi valori, che dimostrano come il nostro sistema sanitario sia efficiente ed efficace”.

IL PROGRAMMA
Martedì 1 ottobre alle 19, è prevista la cerimonia di accensione in rosa del Battistero alla presenza delle Autorità cittadine. In contemporanea, si illumineranno di rosa l’ingresso dell’Ospedale Maggiore e la sede del Distretto di Parma dell’AUSL in viale Basetti, oltre ai luoghi simbolo di 23 comuni della provincia che aderiscono alla Campagna.
Tornano, quindi, le mammografie gratuite all’Ospedale Maggiore, il 12 e 26 ottobre al Centro Screening “V. Bagnasco” di Azienda USL e Ospedale Maggiore e al Centro Senologico dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria. Prenotazioni al numero 0521/702243 dal 1 al 4 ottobre dalle 8,30 alle 12,30.
Mammografie gratuite anche a Borgotaro il 28 ottobre all’Ospedale Santa Maria dell’Azienda USL. Prenotazioni al numero 0525-970202 da lunedì a venerdì dalle 8,30 alle 19,30, il sabato dalle 8.30 alle 12.30.
Mentre visite senologiche gratuite saranno eseguite dai professionisti dell’Azienda USL a Fidenza l’1 e 15 ottobre all’ambulatorio senologico dell’Ospedale di Vaio. Prenotazioni al numero 0524/515407 da lunedì a venerdì dalle 15 alle 17 e a San Secondo il 16 e 23 ottobre all’ambulatorio senologico della Casa della Salute. Prenotazioni al numero 0524/515407 da lunedì a venerdì dalle 15 alle 17.
Tra iniziative culturali e ricreative, il programma degli eventi pensato da LILT Parma vuole raggiungere tutta la cittadinanza e prevede un calendario fitto di appuntamenti su tutto il territorio: una rassegna cinematografica al cinema Edison, la mostra “Donna – Illustrazioni in mostra” realizzata da Tapirulan, il debutto dello spettacolo teatrale “Prima di.“ realizzato per LILT Parma da ZonaFranca Parma, la prima edizione della “Maratona dei Monumenti” organizzata in collaborazione con Fondazione Sport Parma, un corso di make up riservato a donne operate o in terapia oncologica. Il quartiere Montanara, fulcro delle attività culturali nella sede del Cinema Edison, si veste di rosa per accogliere i sostenitori della Campagna.

ALCUNI DATI
Da recenti dati e studi di LILT Nazionale, si stima che in Italia siano oltre 46.000 i nuovi casi annui di carcinoma mammario. L’aumento dell’incidenza del tumore al seno è stata pari a circa il 14% negli ultimi sei anni e, in particolare, per le donne tra i 25 e i 44 anni l’incremento è stato del 29% circa.
Le nuove tecnologie diagnostiche di imaging sempre più precise e sofisticate, insieme alla risonanza magnetica mammaria, consentono oggi di poter individuare lesioni millimetriche in fase iniziale, quando il grado di malignità e l’indice di aggressività sono bassi e il processo di metastizzazione è pressoché nullo. Scoprendo un carcinoma al di sotto del centimetro, la probabilità di guarire sale di oltre il 90% e questo permette di eseguire interventi conservativi, che non provocano sensibili danni estetici alla donna, a beneficio quindi dell’integrità della sua femminilità.
Oggi a Parma e provincia il 58% delle donne nella fascia di età 45-74 anni aderisce allo screening promosso dalla Regione Emilia Romagna. E’ un risultato importante ma non basta: esiste ancora una parte di popolazione femminile che non si sottopone a esami per la diagnosi precoce del tumore al seno.

Il Battistero si tinge di rosa

Lombatti

30/09/2013
h.14.50

 
Martedì 1 ottobre, alle19, il Battistero si illuminerà di rosa per tutto il mese di ottobre. L’evento rientra nelle iniziative previste nell’ambito della ventesima edizione della campagna “Nastro Rosa”: il mese della prevenzione del tumore al seno che si svolge all’insegna dello slogan, “Prevenire è vivere”.
L’iniziativa è promossa dalla Lilt – Lega Italiana Lotta contro i tumori di Parma, con il patrocinio dell’Ausl, Azienda ospedaliero universitaria, Comune di Parma, Provincia di Parma, Ordine dei medici e Università di Parma. L’obiettivo è quello di sensibilizzare e informare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, uno dei fattori che incide maggiormente nella mortalità femminile.
Alla cerimonia, prevista in piazza Duomo alle 19, saranno presenti rappresentanti dei vari soggetti coinvolti, per il Comune parteciperà l’assessore al welfare Laura Rossi.
Oltre al Battistero verranno illuminati di rosa anche l’ingresso dell’Ospedale Maggiore e la sede del Distretto di Parma dell’Ausl in viale Basetti, oltre ai luoghi simbolo di 23 Comuni della provincia.
Nel corso del mese di ottobre, mese della prevenzione, sono in programma diverse azioni concrete come le mammografie gratuite e visite senologiche gratuite, accanto ad iniziative culturali e ricreative.

NASTRO ROSA 2013
Giunta alla sua ventesima edizione, torna anche quest’anno, la campagna “Nastro Rosa” per la prevenzione del tumore al seno.
Oggi la presentazione delle iniziative in città e in numerose località della provincia, organizzate dalla Lega Italiana Lotta contro i Tumori, LILT sezione provinciale di Parma, con il patrocinio di Azienda USL, Azienda Ospedaliero-Universitaria, Comune di Parma, Provincia di Parma, Ordine dei Medici e Università di Parma.
Iniziative come questa – ha esordito Ettore Brianti, direttore sanitario Ausl Parma presentanto la nuova edizione di Nastro Rosa – sono perfettamente in linea con le indicazioni della Regione Emila-Romagna, che da anni promuove lo screening per la prevenzione del tumore al seno, unitamente agli altri due programmi di screening, per la prevenzione dei tumori al collo dell’utero e al colon retto. Le due Aziende sanitarie, con il Centro Bagnasco e il Centro senologico stanno andando sempre più verso un’integrazione del percorso diagnostico e terapeutico, con l’obiettivo della presa in carico della donna con neoplasia al seno”.
L’Azienda Ospedaliero-Universitaria – ha aggiunto Giovanna Campaniello, Responsabile Governo clinico Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma – anche quest’anno è a fianco di LILT insieme all’AUSL, a Comune, Provincia, Università e Ordine dei Medici, per sostenere la campagna Nastro rosa. E’ ormai una costante, una bella scadenza, che diventa ogni anno una nuova occasione di impegno e di sfida, per coinvolgere e sensibilizzare verso l’importanza della prevenzione sempre più donne, che si devono affidare con fiducia ai professionisti delle due Aziende sanitarie”.
Tante le iniziative in programma. “Ottobre mese della prevenzione contro i tumori al seno – ha illustrato Stefania Pugolotti, Presidente LILT – con la campagna “Nastro rosa” è alla sua xx edizione. Un’iniziativa promossa e realizzata in diversi Paesi del mondo, non solo in Italia e a Parma. Anche quest’anno, presentiamo un calendario molto ricco di eventi ricreativi in città e provincia, iniseme a visite e mammografie gratuite, offerte da Azienda USL e Azienda Ospedaliero-Universitaria. Si inizia già domani, primo ottobre, con l’illuminazione in rosa del Battistero, della sede del distretto di Parma dell’AUSL di viale Basetti e della facciata dell’Ospedale Maggiore”.
Obiettivo della campagna è dunque sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile sugli stili di vita corretti e sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare. Il tumore al seno resta il “big killer” numero uno per la donna. La sua incidenza è in costante aumento. Un incremento dovuto all’allungamento dell’età media della popolazione femminile e all’aumento dei fattori di rischio
La prevenzione è sicuramente lo strumento migliore – ha infatti sottolineato Laura Rossi, Assessore al Welfare Comune di Parma – Il Comune di Parma, anche quest’anno, è a fianco di Lilt, per sostenere questa bella e importante campagna, che vede impegnate le due Aziende sanitarie sul fronte della prevenzione e della cura”.
Ancora una volta – ha proseguito Marcella Saccani, Assessore alle Politiche Sociali Provincia di Parma – il Volontariato gioca un ruolo importante. Ringrazio LILT e tutti i partner dell’iniziativa, perchè anche quest’anno sono riusciti a realizzare un programma intenso e che coinvolge tanti interessi e ambiti, come mostre, cinema, teatro…in questo modo, si riesce a fare cultura della prevenzione, grazie alla cultura”.
La prevenzione – ha concluso Maurizio Falzoi, Direttore Sanitario Poliambulatorio Dalla Rosa Prati – è lo strumento migliore per tutelare la salute. E’ un mezzo efficace e importante, anche per la diagnosi precoce, che porta quasi sempre alla completa guarigione. L’Ordine dei Medici dà sostegno a iniziative come questa, perchè crede in questi valori, che dimostrano come il nostro sistema sanitario sia efficiente ed efficace”.

IL PROGRAMMA
Martedì 1 ottobre alle 19, è prevista la cerimonia di accensione in rosa del Battistero alla presenza delle Autorità cittadine. In contemporanea, si illumineranno di rosa l’ingresso dell’Ospedale Maggiore e la sede del Distretto di Parma dell’AUSL in viale Basetti, oltre ai luoghi simbolo di 23 comuni della provincia che aderiscono alla Campagna.
Tornano, quindi, le mammografie gratuite all’Ospedale Maggiore, il 12 e 26 ottobre al Centro Screening “V. Bagnasco” di Azienda USL e Ospedale Maggiore e al Centro Senologico dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria. Prenotazioni al numero 0521/702243 dal 1 al 4 ottobre dalle 8,30 alle 12,30.
Mammografie gratuite anche a Borgotaro il 28 ottobre all’Ospedale Santa Maria dell’Azienda USL. Prenotazioni al numero 0525-970202 da lunedì a venerdì dalle 8,30 alle 19,30, il sabato dalle 8.30 alle 12.30.
Mentre visite senologiche gratuite saranno eseguite dai professionisti dell’Azienda USL a Fidenza l’1 e 15 ottobre all’ambulatorio senologico dell’Ospedale di Vaio. Prenotazioni al numero 0524/515407 da lunedì a venerdì dalle 15 alle 17 e a San Secondo il 16 e 23 ottobre all’ambulatorio senologico della Casa della Salute. Prenotazioni al numero 0524/515407 da lunedì a venerdì dalle 15 alle 17.
Tra iniziative culturali e ricreative, il programma degli eventi pensato da LILT Parma vuole raggiungere tutta la cittadinanza e prevede un calendario fitto di appuntamenti su tutto il territorio: una rassegna cinematografica al cinema Edison, la mostra “Donna – Illustrazioni in mostra” realizzata da Tapirulan, il debutto dello spettacolo teatrale “Prima di.“ realizzato per LILT Parma da ZonaFranca Parma, la prima edizione della “Maratona dei Monumenti” organizzata in collaborazione con Fondazione Sport Parma, un corso di make up riservato a donne operate o in terapia oncologica. Il quartiere Montanara, fulcro delle attività culturali nella sede del Cinema Edison, si veste di rosa per accogliere i sostenitori della Campagna.

ALCUNI DATI
Da recenti dati e studi di LILT Nazionale, si stima che in Italia siano oltre 46.000 i nuovi casi annui di carcinoma mammario. L’aumento dell’incidenza del tumore al seno è stata pari a circa il 14% negli ultimi sei anni e, in particolare, per le donne tra i 25 e i 44 anni l’incremento è stato del 29% circa.
Le nuove tecnologie diagnostiche di imaging sempre più precise e sofisticate, insieme alla risonanza magnetica mammaria, consentono oggi di poter individuare lesioni millimetriche in fase iniziale, quando il grado di malignità e l’indice di aggressività sono bassi e il processo di metastizzazione è pressoché nullo. Scoprendo un carcinoma al di sotto del centimetro, la probabilità di guarire sale di oltre il 90% e questo permette di eseguire interventi conservativi, che non provocano sensibili danni estetici alla donna, a beneficio quindi dell’integrità della sua femminilità.
Oggi a Parma e provincia il 58% delle donne nella fascia di età 45-74 anni aderisce allo screening promosso dalla Regione Emilia Romagna. E’ un risultato importante ma non basta: esiste ancora una parte di popolazione femminile che non si sottopone a esami per la diagnosi precoce del tumore al seno.