ParMap tra i luoghi idea(li) di Fabrizio Barca

assaggiami
Lombatti

05/09/2014
h.16.20

I circoli PD di Parma, attraverso la segreteria cittadina quale coordinatore del progetto di ParMap, unico PD cittadino in Italia, diventano uno dei Luoghi Idea(li) di Fabrizio Barca, il primo presente in Emilia.
E proprio Fabrizio Barca giovedì 11 settembre, alle ore 18.30, al circolo App Colombofili, in via Dei Mercati 15/D, sarà ospite dell’incontro “ParMap incontra i luoghi idea(li) di Fabrizio Barca. Partito, innovazione e mobilitazione”.
I risultati ed il processo del progetto ParMap, promosso dalla segreteria cittadina del Partito Democratico di Parma, si confrontano con la traversata di Fabrizio Barca nei territori italiani per una nuova idea di partito. All’incontro interverranno Lorenzo Lavagetto, segretario comunale del Partito Democratico di Parma, Luca Cominassi, responsabile innovazione segreteria comunale del Partito Democratico di Parma, Fabrizio Barca e Mattia Diletti del team dei Luoghi Idea(li). Seguirà cena in compagnia di Fabrizio Barca.

Luoghi Idea(li) è il frutto del viaggio, lungo un anno, che ha accompagnato la Traversata successiva alla memoria politica di Fabrizio Barca, pubblicata da Feltrinelli nell’aprile 2013. Dopo averne discusso in 110 circoli e altri luoghi associativi italiani e con circa 16 mila persone, a metà del dicembre 2013 è stato presentato il documento “Per un partito che sappia governare. Strumenti di lavoro, persone e relazioni, visione e metodo” che ha proprio immaginato strumenti e pratiche per un partito di sinistra del XXI secolo e ha ritenuto che dalla teoria fosse necessario passare alla pratica attraverso alcuni prototipi in cui i Pd locali – i luoghi reali – si impegnassero a mettere in atto nuovi metodi di azione, partecipazione, produzione di conoscenza e comunicazione.
Quando Luoghi Idea(li) ha lanciato in modo aperto una sorta di “domanda di partecipazione” alla sperimentazione hanno risposto circa 70 progetti, quasi 100 circoli.  La “reciproca scelta” ha riguardato 11 progetti. Nel frattempo sono state raccolte risposte di valore a una “domanda di volontariato” rivolta a chi avesse tempo e conoscenze da offrire e mettere a disposizione dei circoli. Si è così costituito per ogni progetto un Team di Luoghi Idea(li) con funzione di affiancamento, stimolo, dialogo. I progetti riguardano questioni rilevanti per la vita dei cittadini dei rispettivi luoghi. Ma tutti costituiscono prototipi di qualcosa che conta per ognuno di noi: la qualità della vita e la coesione sociale, fra generazioni e fra culture; ambiente responsabilità comune alla prova dei fatti; emancipazione dei lavoratori e competitività; cultura creatività e sviluppo; politica credibile e sfoceremo attraverso partecipazione, apertura, conoscenza e sperimentazione nel territorio.
Tutto ciò è stato reso possibile dalla fiducia accordata da 583 donatori. Per due mesi è stato aperto un salvadanaio virtuale – donazione minima 5 euro, massima 500 – e il progetto è potuto partire, grazie ai 53 mila euro raccolti.
Luoghi Idea(li) è così potuta diventare una piccola struttura nazionale, della quale fanno parte, oltre a Fabrizio Barca, Gianmario Cinelli, Lucio Colavero, Piergiorgio De Angelis, Michela Di Vito, Mattia Diletti, Fulvio Lorefice e Silvia Zingaropoli.
Luoghi Idea(li) è dunque un progetto di progetti. Una rete composta da 11 punti locali e 1 nazionale, pronti a lavorare assieme, a confrontarsi, a starsi a sentire, a dissentire, a imparare. Un progetto con una scadenza per “portare a casa” gli obiettivi definiti: marzo 2015.

Fabrizio Barca è nato a Torino l’8 marzo 1954. Statistico ed economista, amministratore pubblico, Ministro per la Coesione territoriale durante il Governo Monti e, oggi, Dirigente generale al Ministero dell’Economia e delle Finanze, si è iscritto l’11 aprile 2013 alla sezione del Partito democratico di via dei Giubbonari a Roma. Il 22 aprile 2013, proprio da via dei Giubbonari, ha dato inizio al giro per i circoli del Partito democratico. Obiettivo dell’impresa: conoscere la “geografia territoriale” del PD, discutere la sua Memoria, arricchirla, intersecare altre riflessioni e le pratiche concrete del PD nei territori e maturare i materiali per un passo in avanti. Oggi, terminato il viaggio, continua ad impegnarsi per il Partito convinto che il rinnovamento venga proprio dal territorio.

comunali2022