Fabrizio Pallini: “L’associazione I Nostri Borghi vicina alla città sul problema baby gang”

Casa Bambini
SanMartino
kaleidoscopio
lodi_maggio24
Fabrizio Pallini

Il servizio di Rete 4, stimolato da un articolo in prima pagina della Gazzetta di Parma sulla microcriminalità delle baby gang, sembra aver risvegliato l’opinione pubblica e le istituzioni da quel torpore, da quella indifferenza che da un po’ di tempo attanagliava la città su questo argomento. Una sorta di rassegnazione e di preoccupante accettazione sembrava gravare su una città che paradossalmente veniva inserita come la più vivibile d’Italia. Ora non è il momento di polemizzare, ma di unirci tutti contro una piaga che sta colpendo Parma.

Noi come sempre ci siamo, purché le istituzioni tutte – Comune, Prefetto, Questore – si facciano veramente carico della grave situazione che sembra radicarsi nelle nostre strade.

Da più vent’anni la nostra associazione si interessa di sicurezza e tante volte abbiamo lanciato, a volte urlato, “grida” di dolore sulla microcriminalità che stava subdolamente avvolgendo Parma, purtroppo molte volte siamo stati visti come fastidiosa interferenza o come esagerata percezione dei fatti: bisogna smetterla di parlare di insicurezza percepita, ma parlare invece di insicurezza reale.

È giunto davvero il momento di intervenire con un’azione reale, coordinata e immediata.

Le istituzioni abbandonino la carota e il buonismo, ne va della sicurezza di tanti cittadini e di tante attività che hanno già troppo sofferto per il Covid e che si aspettano, almeno in questo caso, non solo parole ma risposte e fatti concreti su questa nuova piaga della microcriminalità giovanile.

Non è più tollerabile attendere.

Fabrizio Pallini

Presidente associazione I Nostri Borghi

SanMartino
kaleidoscopio
Casa Bambini
lodi_maggio24