Fontanellato, falso venditore di una società del gas truffa una 90enne: denunciato

SanMartino
kaleidoscopio
Casa Bambini
lodi_maggio24

Si presenta a casa di una 90 enne di Fontanellato e la convince a firmare un contratto “vantaggioso” per la fornitura di gas.

I fatti risalgono a diversi mesi fa quando si presenta a casa di una 90 enne di Fontanellato, un uomo dai modi gentili e ben vestito che spacciandosi per un dipendente di una nota società che gestisce la fornitura di gas a Parma e provincia, convince l’anziana a stipulare un nuovo contratto, a suo dire molto più vantaggioso e riservato ai clienti più “meritevoli”.

La donna, ben felice di risparmiare, firma il contratto, che di fatto però, a sua insaputa la fa transitare nel mercato libero, con il passaggio ad un’altra società.

L’uomo però, non si è limitato a questo, ma carpendo la fiducia della donna, le ha fornito un codice IBAN, relativo ad un conto corrente bancario sul quale inviare i pagamenti rateizzati di alcuni insoluti che l’anziana aveva accumulato con la società di servizi, convincendola che avrebbe provveduto ad evadere la pratica.

La donna di fatto ha versato sul conto, in tre distinte occasioni, più di 1.200 euro che come accertato successivamente sono finiti direttamente nelle tasche del truffatore.

La donna è stata convinta di avere fatto un buon affare fino a quando la società con la quale aveva in essere il vecchio contratto e la nuova, hanno cominciato a tempestarla di raccomandate nelle quali veniva sollecitata in un caso a saldare gli insoluti e nell’altro a pagare le bollette fino a quel momento mai pagate in forza del nuovo contratto.

 

† Terra Santa 11 – Il Santo Sepolcro, il luogo più sacro del mondo (di Andrea Marsiletti)

 

A questo punto l’anziana si è resa conto che qualcosa non andava ed ha avvisato il figlio che, intuendo la truffa, si è subito rivolto ai Carabinieri di Fontanellato ai quali ha denunciato il tutto.

I Carabinieri hanno subito avviato le indagini ed attraverso l’analisi della documentazione bancaria acquisita, incrociando i dati che via via sono emersi nel corso della complessa attività investigativa hanno identificato il beneficiario dei versamenti eseguiti dalla signora.

Ai Carabinieri per chiudere il cerchio non è rimasto che mostrare la fotografia dell’uomo all’anziana che lo riconosceva senza ombra di dubbio, chiamandolo ancora con il nome di battesimo a dimostrazione della “professionalità” con la quale ha carpito la fiducia dell’anziana.

Si tratta di un 40 enne campano, gravato da segnalazioni di polizia per fatti analoghi ed attuati con lo stesso modus operandi.

Al termine dei necessari riscontri, acquisiti elementi probatori inconfutabili, l’uomo è stato denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Parma, perché ritenuto responsabile del reato di truffa

Con l’occasione, l’Arma dei Carabinieri invita tutta la popolazione, soprattutto quella più anziana, a non fidarsi di chi si presenta a casa con offerte super vantaggiose, nel caso di dubbio sull’identità della persona è sempre preferibile chiamare immediatamente il 112 e far intervenire una pattuglia dei Carabinieri che si presenteranno sempre in uniforme e con l’autovettura di servizio. I Carabinieri del Comando Provinciale di Parma periodicamente, effettuano incontri con la cittadinanza per sensibilizzare la popolazione sia sulle classiche truffe telefoniche, porta a porta, sia su quelle riguardanti gli acquisti e le vendite on line.

Presso tutti i Comandi dell’Arma, nelle associazioni e presso le sedi comunali potranno essere visionate locandine con indicazioni utili per difendersi da truffe, furti e raggiri.

Comando Provinciale Carabinieri di Parma

kaleidoscopio
Casa Bambini
SanMartino
lodi_maggio24