L’Amministrazione comunale: sì condizionato all’allungamento della pista con pagine di prescrizioni

L’Amministrazione comunale di Parma ha depositato la delibera sull’allungamento della pista del Verdi che il 9 ottobre sarà sottoposta al voto del Consiglio comunale, esprimendo un assenso condizionato a numerose prescrizioni.

“L’Amministrazione Comunale, nel confermare l’interesse per uno sviluppo dello scalo in chiave passeggeri:

– ha dichiarato in più occasioni la ferma volontà che lo scalo locale sia elemento di crescita sostenibile ed armonizzata alle linee di sviluppo che il territorio esprime e pertanto sia destinato al trasporto passeggeri e non trasporto merci;
– si riconosce nella politica comunitaria in materia di cura del territorio e nelle programmazioni in tema di transizione ecologica e obiettivi climatici;
– ha espresso chiaro e determinato impegno all’esercizio amministrativo orientato a perseguire obiettivi di sostenibilità e compatibilità ambientale e sociale del territorio e delle sue componenti fisiche ed infrastrutturali”.

A questa premessa “politica”, la delibera fa seguire un assenso condizionato all’allungamento della pista con numerose prescrizioni.

“Per le ragioni di cui in premessa, in considerazione delle finalità di interesse pubblico di rango statale che l’intervento in oggetto realizza e tenuto conto dei pareri tecnici allegati – le condizioni e le prescrizioni di seguito indicate, ritenute imprescindibili, al fine di poter ritenere il presente come parere avente natura di assenso condizionato ai fini dell’approvazione da parte del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del “Masterplan Aeroporto “Giuseppe Verdi” di Parma – Aggiornamento 2018-2025”, previa l’intesa Stato-Regione, dell’opera pubblica di interesse statale”.

 

† Terra Santa 9 – Nei Vangeli portò la croce di Gesù, per gli gnostici morì in croce al suo posto. Simone di Cirene entra nella Storia (di Andrea Marsiletti)

 

In particolare le prescrizioni imprescindibili sono:

A. Rispetto delle indicazioni e delle prescrizioni tecniche, normative ed economiche elencate nei pareri degli uffici competenti e raccolte nell’allegato al presente atto (allegato “A” quale parte integrante e sostanziale) nei quali vengono espresse le specifiche valutazioni e, altresì, evidenziate le condizioni necessarie per l’attuazione delle previsioni inserite nel Master Plan in oggetto, tra le quali rilevano in particolare le seguenti prescrizioni, fondamentali per il corretto inserimento e funzionalità dell’infrastruttura proposta e precisamente:
a) condizioni da ottemperare in sede di conferenza dei servizi e/o per la fase di approvazione del Masterplan:
1. impegno a prevedere ulteriori misure di mitigazione, compensazione e risanamento per gli edifici scolastici, qualora i monitoraggi acustici permanenti evidenziassero l’insufficienza delle opere di mitigazione, compensazione e miglioramento del comfort acustico realizzate; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
2. presentazione della necessaria documentazione (studi e simulazioni) che dimostri che gli interventi di mitigazione dei superamenti acustici nelle aree scolastiche all’aperto sono realizzabili e che verranno realizzati, qualora la futura attività di monitoraggio dovesse confermare i superamenti; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
3. integrazione del cronoprogramma con inserimento dei tempi di attuazione della prescrizione RER 05 relativa alle compensazioni in materia di qualità dell’aria (elettrificazione del parco veicoli e piantumazioni/rinaturalizzazioni; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
4. integrazione dell’elaborato MP-DG00 00 – 00 “individuazione aree per compensazioni ambientali” con un adeguamento della superficie dell’area di compensazione prevista presso l’abitato di Fognano; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
5. dovranno essere recepite le modalità di superamento delle interferenze con gli elettrodotti e gli apparati tecnici di IRETI Spa, indicate nel parere prot. RT011886 del 7/09/2023 di IRETI Spa; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
6. formalizzazione della costituzione della Commissione Aeroportuale, ai sensi del DM 31/10/97 con definita la data di convocazione della prima seduta; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
7. impegno a non effettuare voli dalle ore 23:00 alle ore 06:00; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
b) condizioni da ottemperare nella fase di progettazione esecutiva:
1. redazione, approvazione e sottoscrizione dell’Accordo Territoriale atto a disciplinare l’attuazione degli interventi e delle infrastrutture a garanzia della sostenibilità ambientale e territoriale in attuazione delle prescrizioni previste dal Decreto VIA, nonché dagli esiti della Conferenza dei Servizi definendo per ciascuna di esse i soggetti coinvolti nella realizzazione, la descrizione delle prestazioni, gli impegni delle parti e lo scenario temporale di attuazione;
2. integrazione dello studio di traffico, da strutturare sul presupposto della chiusura di Parma Rotta e in concomitanza di eventi fieristici di rilievo, finalizzato all’individuazione di una soluzione atta a garantire la risoluzione delle criticità viabilistiche nell’intersezione posta tra strada Baganzola via Rizzi e viale delle Esposizioni e a verificare la necessità di individuare ulteriori vie di deflusso alternative. (rif. prot. 20/09/2023.0196949.I, prot. 2442/2023-2023.IV/002.31)
3. progettazione delle opere di accesso su via Ferretti, conformemente al DM 19/4/06, garantendo le manovre in sicurezza di veicoli leggeri e pesanti come per altro la percorribilità dei mezzi TPL, compresi autobus lunghi 18 metri (prot. 20/09/2023.0196949.I, prot. 2442/2023-2023.IV/002.31)
4. individuazione di una zona interna prevista per la sosta dei mezzi pesanti in attesa di carico e scarico delle merci, interno all’Aeroporto (prot. 2442/2023-2023.IV/002.31, prot. 21/09/2023.0198250.I)
5. valutazione di un potenziamento dei varchi disposti lungo il perimetro aeroportuale, finalizzato a renderli più fruibili e adeguati a sostenere il transito dei mezzi di soccorso per le operazioni di emergenza fuori e dentro il sedime aeroportuale (rif. prot. 21/09/2023.0197829.I)
6. definizione delle procedure antirumore, della caratterizzazione acustica dell’intorno aeroportuale e del piano di monitoraggio acustico; (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I)
7. determinazione delle tre zone acustiche A, B e C e individuazione dello scenario di traffico ottimale per il contenimento del rumore e le conseguenti procedure antirumore, al fine di definire i confini delle zone di rispetto dell’intorno aeroportuale (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I);
8. avvio del procedimento di acquisizione e conformazione urbanistica delle aree di compensazione ambientale;
9. avvenuta sottoscrizione da parte del Consorzio della Bonifica Parmense, ENAC e SO.GE.A.P., della convenzione disciplinante gli impegni reciproci per la realizzazione delle opere di natura idraulica, necessarie all’attuazione degli interventi previsti dal Master Plan, in ottemperanza alle prescrizioni di cui al Decreto VIA 113/2019;
10.presentazione di idoneo piano economico finanziario comprensivo di tutti i costi interni ed esterni connessi alla realizzazione degli interventi previsti dal Masterplan, ivi comprese le azioni di compensazione degli impatti oltre alla presentazione di un cronoprogramma che dia riscontro dei diversi tempi di realizzazione delle opere, tempi che devono essere coordinati fra loro e tali da non creare criticità nell’ambito territoriale di intervento.
c) condizioni da attuare prima della chiusura veicolare di Parma Rotta: 1. realizzazione della risoluzione alle criticità viabilistiche nell’intersezione posta tra strada Baganzola via Rizzi e viale delle Esposizioni, individuate a seguito dell’integrazione dello studio di traffico, da attuare a spese del soggetto proponente ENAC/SOGEAP e da concordare con i settori comunali competenti (prot. 20/09/2023.0196949.I, prot. 2442/2023-2023.IV/002.31)
d) condizioni da attuare prima della ripresa dell’attività di volo:
1. ultimazione dei lavori diretti alla mitigazione lavori diretti alla mitigazione acustica ed in particolare degli edifici scolastici posti a Baganzola (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I);
2. completa attuazione degli interventi compensativi ai fini dell’assorbimento delle emissioni (realizzazione aree verdi per progetti di forestazione urbana ecc.);
3. istituzione dell’osservatorio ambientale di cui all’art. 28 comma 2 del D.lgs. n. 152/2006 e s.m.i. (rif. prot. 21/09/2023.0198250.I);
4. completa risoluzione delle interferenze con l’elettrodotto AT Parma Vigheffio.

B. rispetto dei vincoli urbanistici elencati in premessa;

C. sottoscrizione, prima della fase di progettazione esecutiva degli interventi previsti dal Master Plan in oggetto, di specifico Accordo Territoriale fra Regione Emilia Romagna, Provincia di Parma, Comune di Parma, Enac e Sogeap che disciplini quanto meglio descritto in premessa

D. tutti i costi afferenti la realizzazione delle opere esterne al Master Plan (opere stradali, idrauliche, compensazioni ambientali, interramento linee elettriche ecc.) saranno a carico del soggetto proponente (Enac/Sogeap), ivi compresi i costi di acquisizione/esproprio e di progettazione;

cioccolato