Muore l’ultima vittima de Il Figlio di Sam

confartigianatomaggio
Contabile_giugno24

31/07/2014


ACCADDE OGGI: il 31 luglio 1977 muore l’ultima vittima de Il Figlio di Sam.

Stacy Moskowitz aveva 20 anni quando insieme a Robert Violante fu colpita alla testa da colpi di arma da fuoco esplosi alla distanza di un metro alle 2.35 del mattino del 31 luglio 1977, a Bath Beach, sobborgo di Brooklyn.
Morirà diverse ore dopo in ospedale, ultima vittima della follia omicida del Killer della calibro .44, conosciuto anche come il Figlio di Sam e al secolo David Richard Berkowitz. Robert Violante sopravvivrà ma perderà l’uso di un occhio. Responsabile dell’uccisione di 6 persone e del ferimento di altre 7, The Son of Sam terrorizzò la città di New York fra le estati del 1976-77 prendendo nel mirino soprattutto giovani donne. Mentre il numero delle vittime aumentava e veniva organizzata una delle più estese cacce all’uomo della storia di New York, l’assassino inviava lettere provocatorie alla polizia minacciando sempre nuove uccisioni. Arrestato nell’Agosto del 1977 l’allora ventiquattrenne Berkowitz confessò tutti gli omicidi sostenendo di averli compiuti perché intimatogli da un demone che si era incarnato nel cane labrador del suo vicino.
La grande attenzione che i media riservarono alle azioni del Figlio di Sam contribuì a creare una sorta di notorietà internazionale (perfino L’Osservatore Romano si occupò del caso) attorno a Berkowitz, cosa di cui di cui quest’ultimo sembrava compiacersi. In risposta a ciò, il legislatore dello Stato di New York emanò provvedimenti – da allora conosciuti comunemente con l’espressione di Son of Sam laws, (le Leggi del Figlio di Sam) – tesi ad evitare ai criminali di trarre profitto economico dalla pubblicità derivante dai propri reati. Nonostante varie modifiche e i procedimenti legali di cui sono stati oggetto, tali norme sono rimaste in vigore nello Stato di New York, e leggi simili sono state poi emanate in molti altri stati.
Berkowitz venne processato e condannato a 300 anni di carcere, l’equivalente di 6 ergastoli.

Alessandro Guardamagna

kaleidoscopio
SanMartino
Casa Bambini
lodi_maggio24