NocargoParma: “L’allungamento della pista del Verdi è un film già visto”

confartigianatomaggio
Contabile_giugno24

Correva l’anno 2004 quando vennero erogati 10 milioni di euro per allungare la pista dell’aeroporto e portarla dai 1900 metri di allora ai 2120 di oggi.

L’argomento fu ampiamente trattato dal giornale locale, per cui la rassegna stampa è cospicua.

L’intervento di allungamento della pista era finalizzato a collegare Parma con l’Europa in vista dell’arrivo in città dell’Autority Europea, l’allungamento previsto era necessario per consentire i decolli/atterraggi degli aerei passeggeri più grandi idonei a raggiungere le località europee.

L’allungamento della pista suscitò anche in quella occasione grandi preoccupazioni nella cittadinanza, soprattutto tra i cittadini di Baganzola che fecero una raccolta firme.

Come riferisce la Gazzetta di Parma, quando l’allungamento della pista arrivo in Consiglio Comunale il dibattito fu principalmente sulla questione “tutela della cittadinanza” allarme dei cittadini.

Dai rappresentanti del partito dei Democratici di Sinistra (oggi PD) a Civiltà Parmigiana l’attenzione era tutta rivolta a chiedere garanzie per gli abitanti sorvolati.

Il capogruppo dell’allora Margerita propose addirittura di valutare la possibilità di realizzare un nuovo scalo in un’altra zona.

L’allora Sindaco Elvio Ubaldi chiese garanzie per i lavori della pista: “Bisogna fare in modo che le dimensioni del nostro aeroporto rimangano quelle attuali”.

 

† Terra Santa 9 – Nei Vangeli portò la croce di Gesù, per gli gnostici morì in croce al suo posto. Simone di Cirene entra nella Storia (di Andrea Marsiletti)

 

Forse proprio sulle rassicurazioni del Sindaco in questi 20 anni l’amministrazione comunale ha continuato a far crescere la città attorno all’aeroporto rilasciando permessi a costruire a Baganzola, San Pancrazio, Crocetta e nelle zone di rischio..tanto l’aeroporto DOVEVA rimanere nelle dimensioni attuali: un piccolo aeroporto collegato con l’Europa ma proporzionato al contesto cittadino in cui è inserito.
Il remake che viviamo oggi sembra riscritto in chiave horror: la tutela dei cittadini non interessa più.

Le parole inquinamento atmosferico, rumore, rischio incidente aereo, sicurezza non le pronuncia quasi nessuno: il mantra è allungare la pista per collegarsi con l’Europa, quando collegarsi con l’Europa è stata la motivazione per cui nel 2004 la pista è stata portata alle dimensioni attuali e infatti ci sono stati i collegamenti con Parigi, Londra, Bruxelles.

Ancora una volta ci appelliamo ai Consiglieri Comunali per chiedere loro COERENZA e tutela degli interessi dei cittadini: lo chiediamo a tutti perché tutti ce lo hanno promesso in campagna elettorale e lo chiediamo in particolar modo a quelle forze politiche già presenti nel 2004.

Nocargoparma

lodi_maggio24
SanMartino
kaleidoscopio
Casa Bambini