Presentato il BorgoSound Festival 2022

lodi_maggio24
SanMartino
Casa Bambini
kaleidoscopio

Nonostante i ritardi dovuti alla concomitanza con il periodo elettorale, BorgoSound Festival affronta la sua decima edizione più propositivo che mai. Presentato mercoledì 13 luglio nella sede dell’associazione I Nostri Borghi, in strada XX Settembre 53 a Parma, quest’anno il festival conta tre serate a luglio (sabato 16, 23 e 30) più la finale e la semifinale rispettivamente il 3 e il 10 settembre.

Nata da un’idea di Roberto Pallini per offrire un’occasione di visibilità e uno stimolo alla creatività delle band (soprattutto a livello di composizione musicale), la manifestazione persegue da sempre anche altre finalità, come rivitalizzare spazi cittadini caratteristici e coinvolgere associazioni di volontariato e società sportive nel contesto di brillanti serate immerse nell’atmosfera accogliente e familiare tipica dei borghi parmigiani. Catalizzatore e banco di prova per i gruppi giovani, aperto a ogni genere musicale e con richieste che arrivano ormai da ogni parte d’Italia, BorgoSound quest’anno ha in serbo alcune novità, prima fra tutte l’inserimento in concorso della categoria cantautori: la vocazione rock amplia gli orizzonti nell’ottica di valorizzare il talento compositivo dei musicisti. Diciotto gli artisti in gara, con i consueti premi al miglior testo e alla miglior rappresentazione scenica, più un premio speciale messo in palio dall’Avis per celebrare i dieci anni di partnership. Come sempre, oltre alla giuria regolare anche il pubblico potrà votare e fare le proprie scelte.

Altra novità sarà lo spazio dedicato alla comunità ucraina, un interesse già inaugurato dalla speciale manifestazione con raccolta fondi della scorsa primavera: ogni serata vedrà infatti la partecipazione di ospiti ad hoc, primo fra tutti il giornalista Luigi Alfieri che parlerà delle sue missioni nelle zone di guerra.

«Il tema della sicurezza si fa sempre più importante e lo spettacolo ha un ruolo importante nel rendere più vivibili i luoghi problematici», ha affermato Fabrizio Pallini, presidente dell’associazione, «e non è detto che nelle prossime edizioni il festival non si sposti in altre zone cittadine. Ringrazio il Comune di Parma, sempre al nostro fianco, nell’ottica di continuare la collaborazione con la nuova giunta e ringraziando quella uscente». Compagna fedele della manifestazione, l’Avis comunale conferma il sodalizio al fianco di BorgoSound, presente alla conferenza stampa nella persona di Luca Asinari: «siamo felici di essere tornati in mezzo alla gente, il sangue si può solo donare non produrre… siamo sempre alla ricerca di nuovi volontari e donatori, sport e musica sono veicoli che associati ad Avis funzionano per invitare le persone ad aiutarci». Confermati Mimmo Camattini direttore artistico, Franco Saccò responsabile dell’immagine, Andrea Medici fotografo.

Dopo il doveroso il ringraziamento a sponsor e sostenitori – Iren, Varese, poliambulatorio Maria Luigia, Galloni costruzioni, Archimmagine, Valenti Studio Sport, centro musicale L’Accademia, Osteria Rangon, MEET Hamburger Gourmet – il Festival è pronto per la partenza, sabato 16 luglio alle ore 21 sul palco di pietra del piazzale Salvo D’Acquisto a Parma.

kaleidoscopio
Casa Bambini
lodi_maggio24
SanMartino