Salsomaggiore, Lega: “Allarme sicurezza, il sindaco non fa nulla”

proges_4_21

“La situazione è diventata insostenibile tanto che ormai non si contano più gli episodi di atti vandalici, di aggressioni da parte di ragazzi giovanissimi, il che confermerebbe la presenza di baby-gang, e persino di un tentato furto al bancomat. E’ la cronaca dell’ultimo periodo a Salsomaggiore: episodi che danno al misura dell’aumentato senso di insicurezza col quale devono fare i conti i cittadini di Salsomaggiore e Tabiano. Sono poi frequenti le situazioni di degrado e di scarso controllo anche all’interno del Parco Corazza”.

Così la capogruppo della Lega a Salsomaggiore, Giulia Chiussi, e il consigliere Adelmo Lusuardi, che puntano il dito contro il primo cittadino: “Il sindaco continua a negare il problema della sicurezza come fece anche lo scorso anno minimizzando e arrampicandosi sugli specchi, nel corso della discussione su un interpellanza per una violenza sessuale compiuta ai danni di una donna anziana. Oggi come ieri, pertanto, gli ricordiamo che nel 2019 abbiamo anche approvato all’unanimità una mozione sulla sicurezza che prevedeva tra i vari punti una postazione fissa a Tabiano dei vigili urbani, un maggiore rafforzamento sul controllo del territorio, la predisposizione di progettualità specifiche sovra-comunali per migliorare le situazioni di degrado urbano, che, però, evidentemente, non è servita a nulla”.