Terremoto, stanziati 19 milioni di euro

steam1121

05/02/2009
h.13.00

Diciannove milioni di euro: e’ lo stanziamento per l’emergenza terremoto di Parma e Reggio Emilia previsto in un emendamento del senatore della Lega Nord, Giovanni Torri, approvato dalla Commissione Ambiente del Senato.
Lo annunciato lo stesso parlamentare del Carroccio secondo il quale l’emendamento ha trovato il favore di maggioranza e opposizione all’ unanimita’ nel votarlo. L’emendamento e’ stato sottoscritto anche dalla senatrice Germontani.
”A seguito degli eventi sismici del 23 dicembre scorso che hanno colpito le province di Parma e Reggio Emilia – spiega il sen. Torri – il Ministro Tremonti ha promesso lo stanziamento di 15 milioni di euro per far fronte ai primi interventi emergenziali del posterremoto. Ciò è stato dichiarato dal Sottosegretario Bertolaso nelle audizioni svolte presso le pertinenti Commissioni della Camera e del Senato ed è stato confermato successivamente dal Governo.
L’emendamento della Lega Nord approvato nell’ambito della discussione del Decreto-legge 208/2008, recante misure straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione dell’ambiente, stanzia ulteriori 19 milioni di euro, in aggiunta ai 15 milioni del Governo, poiché, come emerso dalle prime stime, i danni sono ingenti”. Le risorse, sottolinea Giovanni Torri, verranno assegnate al Dipartimento della protezione civile, per essere trasferite al commissario delegato nominato per il superamento dell’emergenza e verranno utilizzate, ad integrazione delle somme stanziate a carico del Fondo di protezione civile, prioritariamente per il ripristino dei fabbricati dichiarati inagibili”.
Il Presidente della Commissione Ambiente della Camera Angelo Alessandri, che si è adoperato con impegno per promuovere l’emendamento, ha espresso la propria soddisfazione per il buon risultato raggiunto al Senato, anche perché il decreto-legge molto probabilmente non potrà subire ulteriori modifiche alla Camera, vista la scadenza a fine mese: “a seguito alla quantificazione dei danni, verranno stanziate le risorse opportune da parte dello Stato e della Regione; ma questi 19 milioni da assegnare immediatamente sono risorse indispensabili perché i comuni non sono in grado di anticipare tutti i finanziamenti per far fronte all’emergenza”.