Accolta la mozione del M5S: a Sorbolo Mezzani nasce l’assessorato alla transizione ecologica

La transizione ecologica non è un concetto astratto o una mera enunciazione di principio ma deve essere una modalità concreta per amministrare anche i Comuni nel quotidiano. È sulla base di questa convinzione che ieri è stata approvata all’unanimità in Consiglio Comunale la mozione del consigliere del M5S Jonathan Albiero che istituisce appunto l’Assessorato alla Transizione Ecologica.

“Con questo voto Sorbolo Mezzani si colloca tra i Comuni pionieri in questo campo, aderendo agli obiettivi fissati dal Governo, che si è dotato del Ministero per la Transizione Ecologica, e alla Regione Lazio, che ha istituito un analogo Assessorato. Grazie quindi a tutto il Consiglio comunale per la sensibilità dimostrata”, commenta Albiero“.

“Tuttavia, questo va considerato soltanto un primo passo in direzione di un modo di fare politica anche a livello locale che contrasti veramente l’enorme minaccia costituita dai cambiamenti climatici dovuti all’inquinamento e al consumo eccessivo di risorse naturali. Un assessorato preposto all’attuazione delle politiche ambientali, con il compito in particolare di attuare buone pratiche per la tutela dell’ambiente e delle risorse naturali, di implementare investimenti verdi ed energia green, di contrastare il dissesto idrogeologico, in coordinamento con le politiche nazionali e il Green Deal europeo, è un punto di partenza fondamentale ma a nulla serve se, oltre alle parole e alla creazione di un Assessorato, non seguono i fatti”, avverte l’esponente pentastellato.

“Il Comune di Sorbolo Mezzani, aderendo al Patto dei sindaci (PAES, Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile) che contiene tanti buoni propositi, ora, con l’aiuto di questo nuovo Assessorato, può e deve impegnarsi nel concreto e in misura maggiore per raggiungere gli obbiettivi fissati. Da ora in avanti”, conclude Albiero,” come Comune abbiamo il dovere di dimostrare che esiste un’autentica volontà politica di amministrare nel segno dello sviluppo sostenibile”.