Borgosound Festival: vince il rock degli Into the Void

Vittoria reggiana per la settima edizione di BorgoSound Festival, il contest musicale organizzato dall’associazione «I Nostri Borghi»: la band Into The Void si è aggiudicata il primo posto, la maglia crociata messa in palio dal Parma Calcio 1913 e il montepremi di mille euro; ottima la performance del cantante, la grinta e la perizia tecnica di tutti i componenti.

Per pochissimi punti sono arrivati secondi gli emozionanti Five Minutes Before, trio di chitarre acustiche e batteria. Terzi classificati I Ragazzi del Tugurio, che hanno conquistato la coppa per la miglior presenza scenica, apprezzatissime anche la Gordon Band, i Martin Landau e i Go Away; maglietta BorgoSound in regalo per tutti come ricordo della serata. Tante le coppe consegnate: al cantautore Francesco Venturini per il miglior testo e ai The Step per la sezione «over»; agli Omega Moon, arrivati dalla lontana Riccione, per il gruppo più giovane e come scelta della giuria popolare. Premi anche per i vincitori delle singole serate e riconoscimenti a chi ha contribuito al successo del Festival – il presentatore Marco Stocchi, il direttore artistico Maurizio Camattini, i fotografi Franco Saccò e Andrea Medici, i tecnici del suono e delle luci.

In costante crescita, BorgoSound Festival è sempre più apprezzato e conosciuto in Italia, quest’anno con moltissime adesioni provenienti da province distanti e con la partecipazione di band di alto livello qualitativo in alcuni casi già note a livello nazionale. Fra le peculiarità del concorso spicca l’invito a partecipare con brani originali inediti, per valorizzare e incentivare la creatività dei giovani musicisti.

Un pubblico appassionato ha riempito piazzale Salvo D’Acquisto durante l’elettrizzante serata, che ha ospitato vari interventi a iniziare dall’amministratore delegato del Parma Calcio 1913 Luca Carra e da Giuseppe Squarcia, delegato ai rapporti con la tifoseria, che ha annunciato il vincitore dell’abbonamento alla stagione calcistica, estratto a sorte fra i votanti della giuria popolare.

L’ANMIC, rappresentata da Walter Antonini e Umberto Guidoni, dopo aver parlato di sport nella scorsa edizione quest’anno ha puntato sulla musica con il progetto MUD – Musica e disabilità, presentando per l’occasione un brano del cantautore Nicola Luciano che si è esibito insieme a Silvia Bosio.

Come sempre presente, il dottor Giancarlo Izzi ha sottolineato come l’AVIS sia un raccoglitore di emozioni per chi dona e per chi riceve: la donazione è un atto altruistico, il sangue è un elemento prezioso che non può essere prodotto o comprato ma solo donato. Presente anche l’assessore Cristiano Casa, fin dall’inizio sostenitore di questa iniziativa vivificante per gli spazi cittadini e che è stata di esempio per altre associazioni. Tutti gli interventi istituzionali sono stati accompagnati dalle parole di soddisfazione del presidente de «I Nostri Borghi», Fabrizio Pallini, che ha infine ringraziato il Comune di Parma e gli indispensabili sostenitori: Iren, Varese, poliambulatorio Maria Luigia, Galloni costruzioni, Archimmagine, Valenti Studio Sport, centro musicale L’Accademia, Osteria Rangon, MEET Hamburger Gourmet.

BorgoSound Festival dà appuntamento a tutti per il 2020 con l’invito a partecipare sabato 21 settembre alla «Cena sotto le stelle», calorosa festa conclusiva negli amati borghi parmigiani.