Convenzione fra Museo Glauco Lombardi e Conservatorio per fare lezione sullo storico fortepiano Schanz del 1825

Casa Bambini
SanMartino
kaleidoscopio
lodi_maggio24

È stato sottoscritto ad aprile 2023 un accordo di collaborazione tra il Conservatorio di Musica “Arrigo Boito” di Parma e la Fondazione Museo “Glauco Lombardi” che darà agli studenti iscritti alla Scuola di Pianoforte e al Dipartimento di Musica Antica dell’Istituto di Alta Formazione Artistica e Musicale, la possibilità di studiare e fare lezione sullo storico fortepiano Schanz (1825 ca.), appartenuto alla duchessa Maria Luigia e conservato nel Salone delle Feste del Museo. Un’opportunità didattica preziosa per gli allievi del Conservatorio e un modo per valorizzare lo strumento.

“La convenzione è segno concreto di collaborazione tra le due istituzioni cittadine, – osserva Francesca Sandrini, direttrice del Museo Glauco Lombardi –. Il Museo Glauco Lombardi sta portando avanti, dal lontano 2007, un importante progetto sul fortepiano ducale Schanz: dopo il restauro, che ha riportato alla piena funzionalità lo strumento, il Museo non ha smesso di mantenere, curare, monitorare il fortepiano. Si tratta di un progetto impegnativo, non scontato per una istituzione museale, e gravoso anche in termini di risorse. Le finalità sono sia la salvaguardia del fortepiano, che non deve essere oggetto di arredo ma strumento musicale, sia la sua valorizzazione mediante concerti, che diventano occasione per far conoscere i repertori ducali e la pratica musicale alla corte di Maria Luigia d’Asburgo. A oggi sono oltre cento i concerti fatti con fortepianisti di fama internazionale”.

† L’Ascensione in cielo di Gesù non è uno show, preannuncia la nostra comunione con Dio alla fine dei tempi (di Andrea Marsiletti)

Sul fortepiano Schanz si terranno in particolare le lezioni del Corso di Pianoforte Storico a cura del docente Andrea Padova, nell’ambito del “Laboratorio di tastiere e prassi storiche”, nato in seno al Conservatorio di Parma su iniziativa del prof. Francesco Baroni (che come Ispettore Onorario per la tutela degli organi storici per la Soprintendenza di Parma e Piacenza ha tra l’altro seguito il restauro del fortepiano) con lo scopo di esplorare la prassi esecutiva del repertorio barocco e classico. “L’accordo è stato reso possibile da una comunanza di intenti tra la direttrice del Museo e il Presidente e il Direttore del Conservatorio, Marco Ferretti e Massimo Felici. – osserva il prof. Padova – Il Conservatorio è un ente che unisce finalità didattiche, di produzione e di ricerca, perfettamente sintetizzate nella collaborazione con il Museo Glauco Lombardi. Il corso di pianoforte storico è interdipartimentale, perché coinvolge nelle lezioni sia il Dipartimento di Tastiere, sia quello di Musica Antica del Conservatorio di Parma: da questa unione è nato anche uno specifico corso di Laurea in Pianoforte Storico, uno dei pochi approvati dal Ministero dell’Università”.  

La collaborazione sfocerà, il prossimo 18 giugno, in un concerto aperto al pubblico tenuto dagli allievi del Conservatorio sul fortepiano Schanz.

SanMartino
lodi_maggio24
Casa Bambini
kaleidoscopio