Focus Appennino: summit Bonifica Parmense-Assessore Lori

proges_4_21

La definizione delle priorità nei comprensori dell’Appennino e le azioni strategiche necessarie per la tutela della nostra montagna grazie al contrasto del progressivo dissesto idrogeologico e alla sicurezza delle principali arterie viarie di bonifica di collegamento. All’incontro, presso la sede consortile Casa dell’Acqua a Parma, insieme all’Assessore della Regione Emilia-Romagna Montagna Programmazione Territoriale Pari Opportunità Barbara Lori hanno dialogato i vertici della Bonifica Parmense: la presidente Francesca Mantelli e il direttore generale Fabrizio Useri.

Sul tavolo del summit un elenco corposo di futuri interventi, redatto dalla Bonifica Parmense, e contenente le capillari attività per il territorio montano che l’Ufficio Progettazione del Consorzio tradurrà in tempi utili in altrettanti progetti concreti a beneficio delle comunità locali: lavori di manutenzione stradale e viabilità di bonifica, recupero e consolidamento dei versanti nell’ambito del contrasto alle criticità geomorfologiche, regimazione delle acque e ricostruzione delle opere che evidenziano, in concreto, la centralità della sinergia tra i due enti e la reciproca volontà di valorizzare le zone montane garantendo alla cittadinanza le necessarie e adeguate migliorie per le attività quotidiane, aree che da molti anni loro malgrado subiscono un grave spopolamento verso i centri urbani.
“La montagna esige una pluralità di risposte – evidenzia l’assessore Barbara Lori – e quelle fornite insieme alla Bonifica sono fondamentali per la sensibilità che porta ad agire in una logica di prossimità e la capacità che può garantire una operatività virtuosa ed efficiente”.

“La sinergia con la Regione Emilia-Romagna ci consente di amplificare e sviluppare progetti come Difesa Attiva Appennino – sottolinea la presidente Francesca Mantelli – a tutela dei territori montani e a sostegno delle comunità locali. Il monitoraggio effettuato sull’intero territorio parmense evidenzia numerose richieste d’intervento e prioritarie esigenze per le quali siamo pronti a collaborare anche con la Provincia e i Comuni”.