“La politica fa fatica ad accettare i problemi dei giovani”

01/04/2009
h.18.30

Generazione Democratica di Parma aderisce e appoggia lo sciopero nazionale del 4 Aprile indetto dalla CGIL che organizza una grande manifestazione, per far sì che l’Italia non torni indietro, per costruire un futuro diverso, giusto, solidale e più democratico.
Sabato 4 al Circo Massimo manifesteremo pensando alla nostra generazione, i cui problemi ancora la politica fa fatica ad accettare e ancor più ad affrontare: i ragazzi sotto i 30 anni convivono quotidianamente con ansie che per decadi non hanno fatto parte delle paturnie dei nostri padri.
Non abbiamo posti fissi, i contratti non ci vengono rinnovati, se rimaniamo senza lavoro siamo a reddito 0.
Il costo delle case è proibitivo e le banche di mutui, con un contratto a tempo, non ne danno (tanto più ora!).
Fare un figlio e metter su famiglia non è un desiderio caduto nel dimenticatoio: semplicemente non possiamo nemmeno permetterci di pensarlo!
I politici che ci pensano “bamboccioni” dovrebbero provare un anno di vita “da ventenne appena uscito dall’Università” per capire le nostre difficoltà e angosce: siamo convinti che dopo questo anno, sarebbero anche loro a manifestare con la CGIL il 4 Aprile.
Le misure predisposte da questo Governo ci sembrano non solo insufficienti, ma proprio miopi, totalmente disinteressate ai giovani e verso chi è più in difficoltà (troviamo un po’ ironico la predisposizione del “Piano Casa”: prima di ampliarla infatti ci piacerebbe poterne avere almeno una!): la nostra è quindi un’adesione convinta, certi della necessita’ di far sentire la nostra voci a chi costantemente ci utilizza ma al momento del bisogno, come lo è questo, con questa crisi dilagante, si volta dall’altra parte e ci lascia, come sempre, soli con le nostre difficoltà.

Generazione Democratica di Parma

lombatti_mar24