La Zamba del Che

lodi_maggio24
Casa Bambini
kaleidoscopio
SanMartino

Le altre notizie pubblicate oggi
(non più in homepage)
___
21/06/2012
h.11.00

Canzoni di Lotta, la rubrica di ParmaDaily gestita dal Direttore Andrea Marsiletti in collaborazione con alcuni compagni di Rifondazione Comunista e dei Comunisti Italiani di Parma.

La zamba – che non si confonde con la samba brasiliana – è un genere musicale ballabile del folclore argentino e uruguaiano e nella zona di Tarija e Santa Cruz. E’ stata proposta come danza nazionale Argentina. Mentre la chacarera è il ballo della conquista e del gioco seduttivo, la zamba sia il ballo del trovato amore e del fluire pieno dei sentimenti e delle passioni romantiche.
“La Zamba del Che” è un canto rivoluzionario boliviano del 1967 dedicato a Ernesto Che Guevara, di seguito interpretato dal cantautore cileno Victor Jara.

Ernesto Guevara viene/ del monte pa’ la ciudad./ El pueblo lo aclama y tiene/ un corazòn y un fusil./ Ya tienen los guerrilleros/ un jefe a quien seguir./ Se lo verà en la frontera/ juntando pueblos para vencer
Y hoy vemos al Che Guevara/ que contra los yanquis va./ Lo sigue un pueblo oprimido/ hasta vencer o morir.
Ya pasa por la montañas/ y en las selvas se le ve/ porque Ernesto Guevara/ luchando viene y se va
Ayer fue Simòn Bolivar/ que, junto con San Martín,/ liberaron nuestros pueblos/ mas no pudieron volver.
Y hoy vemos al Che Guevara/ que contra los yanquis va./ Lo sigue un pueblo oprimido/ hasta vencer o morir.

Ernesto Guevara viene/ dalla selva alla città.
Il popolo lo acclama e ha/ un cuore e un fucile.
Ormai i guerriglieri hanno/ un capo da seguire.
Lo si vedrà nella frontiera/ che riunisce il popolo per vincere
E oggi vediamo il Che Guevara/ che va contro gli yankees;/ lo segue un popolo oppresso / fino alla vittoria o alla morte.
Sta passando per le montagne/ e lo si vede nelle foreste,
perché Ernesto Guevara lottando appare e sparisce.
Ieri Simon Boliva,/ insieme a San Martin,
Liberarono i nostri popoli/ ma non poterono ritornare
E oggi vediamo il Che Guevara/ che va contro gli yankees;/ lo segue un popolo oppresso / fino alla vittoria o alla morte.

Andrea Marsiletti

Altre canzoni di lotta pubblicate:
Non è finita a Piazza Loreto (Fabio Amodei)
Ole ole olé, con De Gasperi non se magna
Canti anarchici: “La rabbia esplose”
Cuba, che bella è Cuba!
Zapata non è morto (Casa del Vento)
Pagherete caro, pagherete tutto
Bella ciao, cantata dal Coro dell’Armata Rossa
La lotta dell’Ira in Irlanda
Unità di produzione (CSI)
Il sole rosso
A las barricadas
L’Oriente è rosso
Bella ciao (Modena City Ramblers)
Guardali negli occhi (CSI)
Robespierre (Offlaga Disco Pax)
Venceremos (Sergio Ortega)
Figli della stessa rabbia (Banda Bassotti)

L’inno di Lotta Continua (Pino Masi)
Chi non vuol chinar la testa
Auschwitz (Francesco Guccini)
Bella ciao (mondine)
Siamo i ribelli della montagna
Contessa
Con la guerriglia
Fischia il vento
Bandiera rossa punk (Angelic Upstars)
El pueblo unido jamas serà vencido (Quilapayun)
Volunteers (Jefferson Airplane)
L’Internazionale (coro Armata Rossa)
Rigurgito antifascista
La locomotiva
Procurade e moderare
Crisi di Valori
Spara Jurij
Per i morti di Reggio Emilia
Stato e padroni
Inno dei lavoratori
Mio caro padrone domani ti sparo
Amore mio non piangere
Se otto ore vi sembran poche

kaleidoscopio
lodi_maggio24
Casa Bambini
SanMartino