Manca il personale per l’autopsia delle salme. La denuncia dell’USI

Denunciamo la grave e intollerabile interruzione del servizio esami diagnostici (una sorta di autopsia disposta dai sanitari ospedalieri onde accertare le reali cause del decesso di un paziente) che dovevano essere eseguiti su due salme nei giorni di lunedì 10 e martedì 11 febbraio 2020, a causa di una sconcertante e inammissibile mancanza di personale idoneo e abilitato per legge a incidere le salme per effettuare gli stessi, determinando di fatto il blocco dell’intera attività dal giorno 10 febbraio.

Si chiede pertanto alle Autorità competenti di intervenire tempestivamente, onde accertare eventuali responsabilità a carico dei dirigenti preposti.

Ernesto Mancini
responsabile settore sanità Unione Sindacale Italiana USI Parma