Picchia la ex fidanzata: arrestato dai Carabinieri di Fidenza

proges_4_21

Da quando la loro relazione sentimentale è finita, parecchi mesi fa, due quarantenni di Fidenza hanno intrapreso un percorso di tentativi di riavvicinamento che, immancabilmente, finisce in violenza.

Lui, di origini calabresi, qualche settimana fa, dopo l’ennesima lite con minacce di morte, e di un atteggiamento di continua sfida nei confronti dei Carabinieri, spesso attivati dalla vittima per evitare il peggio, è stato tratto in arresto e sottoposto al regime degli arresti domiciliari. Nel corso della notte scorsa, i militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Fidenza, sono andati a controllare il rispetto dei vincoli, come ogni giorno, trovandolo regolarmente a casa. Con grande sorpresa, però, poco prima di allontanarsi, sono stati raggiunti dalla sua ex, nascosta in casa nonostante i divieti.

La donna appariva spaventata e mostrava chiari segni di percosse subite. Si è affidata ai Carabinieri, per l’ennesima volta, implorando di salvarla. I militari, a quel punto, hanno accompagnato la donna all’ospedale, dove è stata calmata e medicata, per poi essere dimessa con 14 gg di prognosi. Di fronte a tale, ennesimo, atto di violenza, e all’ incuranza delle disposizioni dell’autorità, i Carabinieri hanno arresto l’uomo con l’accusa di lesioni, maltrattamenti e inosservanza delle prescrizioni restrittive trattenendolo in camera di sicurezza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Continua, instancabile, la lotta dei Carabinieri contro i reati del c.d. “codice rosso”, uno strumento legislativo che fornisce agli operatori efficaci misure per limitare i danni degli atti persecutori e simili, ma che non può prescindere dalla collaborazione delle vittime.