Pizzarotti è l’ultima occasione per Più Europa. In dieci giorni raddoppiano le tessere (di Andrea Marsiletti)

Lombatti
valparmahospital

E’ stata una lunga corsa al tesseramento quella del partito di Più Europa in vista del congresso nazionale di febbraio per l’elezione del nuovo segretario.

Il termine per iscriversi e quindi avere diritto di voto era fissato per il 31 dicembre.

Il sito del partito aggiornava periodicamente sull’andamento del tesseramento: al 5 dicembre gli iscritti erano 1.875, il 19 dicembre sono saliti a 2.284, il 27 dicembre a 2.789… poi il rush finale, coi botti di fine anno arriva un raddoppio in dieci giorni: 4.545 al 31 dicembre.

Una progressione che avrebbe fatto impallidire anche mostri sacri come Andreotti, Gava e Cirino Pomicino!



Le nuove adesioni di chi vuole sostenere la candidatura a segretario nazionale di Federico Pizzarotti le considererei scontate, nelle cose, perchè è ovvio che la gran parte dei sostenitori di Pizzarotti (come del resto lo stesso l’ex sindaco di Parma) non fosse iscritta a Più Europa e quindi abbia deciso di aderire per consentite la sua elezione… ma si fa davvero fatica a comprendere tutta questa mobilitazione popolare per la vecchia classe dirigente di un partito che da anni subisce sconfitte a ripetizione e alle ultime politiche è rimasto sotto la soglia del 3% e quindi fuori dal Parlamento al proporzionale.

Un proliferare di adesioni che, abbinato al voto telematico per eleggere i delegati, deve far riflettere, e dovrebbe far riflettere anche chi dentro il Pd in questi giorni sta proponendo le primarie online.

Più Europa è un partito a encefalogramma quasi piatto, ma nella politica di oggi ci si contende anche i vestiti, gli orologi e i denti d’oro dei soldati ammazzati sul campo di battaglia.

Per curriculum politico, popolarità e immagine televisiva, Pizzarotti è l’ultima occasione perchè questo partito possa sperare di invertire la china.

L’alternativa è un partito dove non ci si scannerà più per spartirsi gli orologi ma la carne del cadavere.

Andrea Marsiletti

valparmahospital