Tutela e valorizzazione della Reggia di Colorno: incontro fra gli enti aderenti

Nella Sala del Trono della Reggia di Colorno alle ore 11 di ieri 3 aprile 2024 si sono riuniti i rappresentanti degli enti territoriali intenzionati a mettere in opera azioni per la tutela, sviluppo e valorizzazione integrata del Complesso Monumentale della Reggia di Colorno.

I rappresentanti di Provincia di Parma, Comune di Colorno, Comune di Parma, Regione Emilia Romagna, Complesso Monumentale della Pilotta, Università degli Studi di Parma, Fondazione Cariparma, Fondazione intendono dar vita ad un nuovo percorso di valorizzazione della Reggia di Colorno in ottemperanza di quanto sancito dal Codice dei Beni culturali e del Paesaggio, che promuove la realizzazione di accordi per definire strategie ed obiettivi comuni di valorizzazione di beni di proprietà pubblica.

L’incontro di oggi è una tappa conseguente e imprescindibile all’accettazione nel luglio del 2023 della Reggia di Colorno nell’importante network europeo European Royal Residences, organizzazione internazionale che raggruppa alcuni tra i più importanti palazzi, castelli, regge e in generale residenze reali che si trovano in Europa, raccogliendo oltre 100 palazzi in 14 Paesi dell’Unione Europea, con lo scopo di preservare e valorizzare il patrimonio artistico e culturale delle residenze-museo europee, organizzando attività di formazione, promozione e collaborazioni con altri enti.

Anche in quell’occasione nel luglio del 2023 le istituzioni del territorio si riunirono alla Reggia di Colorno per celebrare questo fondamentale traguardo, lasciandosi con l’impegno di dare avvio ad un nuovo corso e l’Atto di intenti per la tutela, sviluppo e valorizzazione integrata del Complesso Monumentale della Reggia di Colorno, che oggi ha trovato la condivisione di massima e che nelle prossime settimane sarà messo a punto dal punto di vista amministrativo, ne rappresenta il segno tangibile.

L’Assessore Regionale Felicori: “La firma di oggi sancisce la volontà di un territorio di agire in sinergia per attuare una strategia comune di riqualificazione e valorizzazione di un patrimonio culturale di interesse regionale e nazionale”. “Già con l’ammissione, nel luglio 2023, al Network internazionale dell’European Royal Residences (Arre), la Reggia di Colorno si è candidata a divenire “la nostra Versailles”, pronta ad accogliere visitatori da tutto il mondo.

 

† Gesù, è inutile che torni sulla terra nella parusia, non ti riconosceremmo (di Andrea Marsiletti)

 

Il Sindaco Stocchi di Colorno: la Reggia non è solo il gioiello dell’ente Provincia, ma uno straordinario patrimonio della comunità di Colorno: – spiega il Sindaco Christian Stocchi – ora, dopo l’ingresso nel circuito delle residenze reali, si va a concretizzare una collaborazione istituzionale decisiva, per Colorno e per tutto il territorio, intrapresa da oltre un anno, come avevamo auspicato. Il Comune di Colorno, da sempre primo partner istituzionale della Provincia sulla Reggia, sta lavorando con convinzione a questo ambizioso progetto “.

Il Sindaco di Parma Michele Guerra : “Il Comune di Parma c’è fin dall’inizio convintamente, sicuro che l’attrattività di Parma non si ferma alle porte della città , ma investe tutto il  il territorio provinciale. Faremo la nostra parte insieme a tutti gli altri attori per rendere questa meravigliosa reggia un elemento distintivo di Parma nel mondo”

Il Presidente della Provincia Andrea Massari : “ Un anno fa in un primo incontro chiamai i vari Enti che oggi siedono attorno a questo tavolo  a partecipare al progetto di valorizzazione della Reggia di Colorno, ed oggi grazie ad un lavoro coordinato vengono condivise  le linee essenziali dell’accordo che andremo a siglare nelle prossime settimane”

“Grazie al lavoro di tutti gli attori di  questo accordo la Reggia ritornerà ad esprimere, almeno in parte, lo splendore che aveva caratterizzato la sua storia nei secoli in cui fu dimora delle dinastie ducali del Ducato di Parma”

lombatti_mar24