Energie rinnovabili: quali opportunità con le pale eoliche domestiche?

confartigianatomaggio

L’energia prodotta a partire dal vento dà vita a una forma di approvvigionamento inesauribile e del tutto sicura per l’ecosistema.

I grandi parchi di generazione eolica sono già da tempo una risorsa fondamentale nella decarbonizzazione nazionale e, come tutti gli altri impianti alimentati da fonti rinnovabili, rappresentano un fattore cruciale nel necessario processo di transizione energetica.

Tuttavia, la produzione di energia eolica non avviene esclusivamente tramite l’installazione di grandi apparati sul territorio: oggi è possibile ottenere energia pulita a partire dal vento anche in casa, semplicemente dotandosi di un impianto eolico domestico.

Pale eoliche domestiche: a cosa servono e come sono fatte

Una pala eolica domestica permette di auto-produrre energia completamente green da adoperare per l’illuminazione o l’alimentazione degli apparecchi elettrici. I generatori si dividono in impianti mini eolici e impianti micro eolici, che si differenziano per il picco di potenza generabile e, di conseguenza, per la tipologia di impiego a cui sono destinati.

Se i primi, infatti, producono all’incirca 20 kW di energia, riuscendo a soddisfare il fabbisogno energetico di un intero nucleo familiare, i secondi, fermandosi a 0,5 kW, sono invece più indicati per coprire fabbisogni più limitati, come quelli di cucine, camper, barche o piccoli magazzini.

Un’altra grande differenziazione è quella che distingue i generatori eolici domestici in base alla struttura delle loro pale. Il mini eolico con pale orizzontali e ad asse verticale, ad esempio, è un impianto che prevede circa 3 kW e che, a dispetto delle dimensioni, ha il vantaggio di garantire prestazioni piuttosto elevate anche con quantitativi minimi di vento.

La turbina eolica a pale verticali e asse orizzontale permette invece l’installazione di un impianto che oscilla da 1 a 30 kW: necessita di una torre di supporto, ma occupa pochissimo spazio e assicura una produzione energetica ottimale, qualunque sia la direzione o la capacità della massa ventosa.

Come funziona un impianto eolico domestico

Il funzionamento delle pale eoliche domestiche è frutto di un processo che oggi permette di ottenere un’efficienza piuttosto elevata.

Nello specifico, gli aerogeneratori operano tramite quattro componenti: le pale eoliche, un regolatore di carica, le batterie d’accumulo e un inverter. Nella prima fase, il rotore eolico è investito dal vento, il quale rilascia parte della sua energia cinetica, che si trasforma in energia meccanica.

L’energia meccanica viene convertita in energia elettrica e inviata, tramite il regolatore di carica, alle batterie d’accumulo, che la conservano per renderla immediatamente disponibile all’occorrenza. L’inverter ha invece il ruolo di trasformare la corrente continua in corrente alternata, che è quella comunemente adoperata negli edifici commerciali e residenziali.

Perché installare un impianto eolico nella propria casa

L’adozione di un impianto a energia eolica domestico permette di ridurre quotidianamente il quantitativo di kW assorbiti dalla rete elettrica e ottenere un cospicuo risparmio sulla bolletta della luce.

Inoltre, anche se l’inserimento di un generatore mini eolico nella propria casa richiede un investimento iniziale, si tratta sempre di un costo ammortizzabile nel lungo periodo grazie alla riduzione della spesa per l’energia.

L’unico requisito richiesto per il corretto inserimento di un generatore eolico domestico è che il sito di destinazione presenti le caratteristiche giuste per quanto concerne la potenza e la velocità del vento, anche se, nel caso di mini e micro aerogeneratori, i requisiti di ventosità sono sempre di gran lunga inferiori rispetto a quelli necessari per il funzionamento dei sistemi di grandi dimensioni.

Un ulteriore vantaggio è invece legato alla possibilità di raggiungere una maggiore indipendenza dal sistema energetico nazionale.

L’aspetto particolare di questi impianti è infatti quello di funzionare sia on grid – con connessione al servizio elettrico – sia in modalità off-grid, quindi in modo autonomo, una caratteristica che rende gli aerogeneratori domestici ideali da installare in strutture isolate, imbarcazioni, rifugi montani o locali non facilmente allacciabili alla rete nazionale. (publiredazionale)

lodi_maggio24
SanMartino
kaleidoscopio
Casa Bambini