“Finalmente il reato di stalking sta per diventare legge”

02/02/2009

Femmynile. Il reato di stalking: la maggior parte delle violenze sulle donne non è commessa da sconosciuti ma da ex fidanzati, ex mariti, conoscenti, parenti, amici. Spesso si tratta di violenze annunciate da telefonate ossessive, pedinamenti, minacce.
Il disegno di legge del Ministro Carfagna che sta per diventare legge sul reato di stalking punirà chi si rende colpevole di atti persecutori con pene che vanno da uno a quattro anni di reclusione. Sono previste delle aggravanti se il reato è commesso dall’ex coniuge o da una persona che aveva una relazione affettiva con la vittima nel caso in cui lo stalker sia armato o mascherato e se la violenza è esercitata in gruppo. In caso di omicidio preceduto da stalking la pena prevista è l’ergastolo.

Ministro, cosa sta facendo il vostro Governo sul tema della violenza ai minori ed alle donne?
Riteniamo sia necessario predisporre una normativa adeguata. sulle questioni irrisolte Questo governo ha a cuore la difesa dei piu’ deboli ed ha predisposto due disegni di legge, oltre a quello prostituzione che mette in pericolo la vita di chi esercita.
I due primi disegni di legge sono quelli che introducono reato di stalking e la tutela penale rafforzata per il reato di abuso sessuale.

A che punto siamo con l’approvazione?
Il primo disegno di legge che introduce anche in Italia il reato di atti persecutori è stato già approvato dalla Commissione Giustizia che ha licenziato il testo ed è iniziato il suo iter. Dovrebbe essere alla Camera dei Deputati la prossima settimana per riprendere articoli ed emendamenti.
Poi passerà al Senato.

Tempi di approvazione?
Mi auguro anche che l’iter sarà veloce. In questo modo tutte donne italiane possono avere questo strumento per potersi difendere contro tutti quei molestatori che purtroppo in troppi casi hanno fatto seguire agli atti persecutori reati ben più gravi come la violenza sessuale o l’omicidio.

Perchè introdurre il reato di stalking nella legislazione italiana è importante?
Questi sono atti che fino ad oggi sfuggivano perché non era prevista una loro punibilità. Con questa legge si potranno perseguire il pedinamento, inseguimenti, appostamenti, sms e regali non graditi, telefonate a qualsiasi ora del giorno e della notte, ricatti.
Contro questo fino ad oggi le donne non avevano alcun tipo di tutela per potersi difendere.

Il sindaco di Genova ha riproposto la legalizzazione-regolamentazione della prostituzione come avviene in altri paesi europei…
Per quello che riguarda la prostituzione la mia idea è quella di contrastare e prevenire il fenomeno non di regolamentarlo; per quello c’è un disegno di legge già preparato da questo Governo.

A che punto siete con il “Garante dell’infanzia”?
Il “Garante dell’infanzia” è stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri. Lo scorso novembre ha ricevuto parere favorevole dal Comitato Stato-Regioni. Dovrebbe essere approvato in sede parlamentare in tempi molto rapidi.

lombatti_mar24