Inaugurazione della “Summer school Emilio Sereni” all’Istituto Cervi

confartigianatomaggio

Martedì 27 alle ore 16.00 verrà inaugurata la Summer School Emilio Sereni, giunta alla sua undicesima edizione, che si svolgerà dal 27 al 31 agosto presso l’Istituto Cervi a Gattatico (provincia di Reggio Emilia).

Per tale occasione saranno presenti per i saluti istituzionali: Albertina Soliani (Presidente Istituto Alcide Cervi), Stefano Bonaccini (Presidente Regione Emilia-Romagna), Ilenia Malavasi (vice-Presidente Provincia di Reggio Emilia), Mauro Di Zio (vice-Presidente Cia – Agricoltori Italiani). La scuola verrà aperta con una lectio magistralis del prof. Stefano Zamagni, noto economista dell’Università di Bologna.

“Un’opportunità in più – sottolinea Albertina Soliani, presidente dell’Istituto Cervi – per sviluppare la conoscenza del paesaggio come patrimonio culturale e civile e come risorsa per ridare slancio all’Italia rurale, di cui l’esperienza dei Fratelli Cervi rappresenta al tempo stesso la memoria e l’invito a guardare avanti.”

Da più di dieci anni, questa Scuola del Paesaggio è l’evento principale all’interno delle numerose iniziative formative e culturali organizzate dalla Biblioteca Emilio Sereni, settore dell’Istituto dedicato allo studio del paesaggio inteso come esito delle scelte individuali e collettive che riguardano la comunità intera, il cui nome è dedicato al più importante storico del paesaggio agrario italiano nonché membro dell’assemblea costituente.

Questa edizione è dedicata ai Paesaggi dell’acqua, cioè al rapporto tra la risorsa idrica essenziale alla vita e il suo ruolo nel processo di formazione e gestione del paesaggio, con particolare riferimento ai paesaggi agrari italiani. I fiumi, il mare, i laghi, ma anche le bonifiche e le infrastrutture idrauliche (dighe, acquedotti, mulini, ecc.) saranno gli argomenti delle cinque lezioni, dei laboratori e delle varie iniziative collaterali.

La Scuola si rivolge in particolare a docenti delle scuole, studenti universitari e dottorandi, come pure ad amministratori, pianificatori, tecnici, funzionari del territorio e delle pubbliche amministrazioni, e si propone concretamente come snodo fra ricerca, scuola, cittadinanza attiva e governo del territorio. La frequenza alla Summer School (40 ore totali) prevede il riconoscimento di crediti formativi professionali (CFP) per architetti e agronomi.

Oltre alle lezioni e ai laboratori, il programma prevede diverse attività culturali ed escursionistiche legate alla tematica di quest’anno e presentazioni di documentari e di libri con gli autori. Tra le mostre fotografiche e artistiche si segnalano quelle su: “Le architetture dell’acqua”, “Fontane storiche e architettura dell’acqua in Sardegna”, “L’acqua, in particolare; Acque governate”, l’installazione “Ondevento” e la premiazione per il Settima Mostra Fotografica Nazionale – Premio Scuola di Paesaggio Emilio Sereni; giovedì 29 è prevista una uscita con rafting (escursione sui gommoni) alla scoperta del Fiume Oglio e a seguire una visita al Castello di Padernello (Brescia).

Per l’organizzazione l’Istituto Cervi si avvale infatti della collaborazione di una decina di Atenei, oltre a vari altri istituti, enti di ricerca e organizzazioni agricole, con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole. La Scuola di Paesaggio è diretta dal prof. Rossano Pazzagli, uno dei più importanti storici delle campagne italiane, docente presso l’Università del Molise e membro della Società dei Territorialisti, e si avvale di un comitato scientifico composto da Mauro Agnoletti (Università di Firenze), Gabriella Bonini (Biblioteca-Archivio Sereni), Emiro Endrighi (Università di Modena e Reggio), Saverio Russo (Università di Foggia) e Carlo Tosco (Politecnico di Torino).

SanMartino
Casa Bambini
kaleidoscopio
lodi_maggio24