Prevenire il tumore nell’area di testa e collo: una settimana di servizio gratuito al Maggiore

SanMartino
Casa Bambini
kaleidoscopio
lodi_maggio24

“Hai la testa a posto?” Imparare a salvare la vita, le regole fondamentali: si chiama Make Sense Campaign e si rivolge alle persone che vogliono capire i segni e i sintomi della malattia oncologica nell’area della testa e del collo. L’occasione si presenta a Parma da lunedì 19 a venerdì 23 settembre, un’intera settimana in cui sarà possibile sottoporsi a un servizio gratuito di prevenzione e diagnosi precoce con i professionisti dell’area testa collo del Maggiore che comprende i medici della Maxillo-facciale e della Otorinolaringoiatria e Otoneurochirurgia, guidati rispettivamente da Enrico Sesenna e da Enrico Pasanisi, in rappresentanza del Gruppo Multidisciplinare Testa-Collo che include anche oncologi, radioterapisti, radiologi, anatomopatologi e altri professionisti implicati nella lotta alla malattia. 

L’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma aderisce alla campagna “Hai la testa a posto?” promossa dalla Società Europea dei Tumori Testa Collo (European Head and Neck Society, EHNS), di cui in Italia è promotore l’AIOCC – Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica, mettendo a disposizione della cittadinanza 30 visite gratuite. Per accedere sarà sufficiente telefonare dal 7 al 20 settembre al numero 0521.702783 dalle 8.30 alle 12.30: un operatore dedicato fornirà le informazioni per l’appuntamento.

L’iniziativa mira ad educare alla prevenzione e ad aumentare la consapevolezza di eventuali sintomi riconducibili ai tumori della testa e del collo, tra cui i tumori del cavo orale, dell’orofringe, della laringe, del naso e dei seni paranasali, delle ghiandole salivari, dal momento che un tempestivo ricorso al medico per una diagnosi precoce può aiutare a migliorare la prognosi nei pazienti affetti dalla malattia. Fumo e alcol sono i principali fattori di rischio: per questo, la prevenzione passa attraverso l’adozione di stili di vita corretti, che comunque non assicurano il mancato sviluppo della patologia. “Secondo le ricerche recenti, ricorrere tempestivamente al consulto dello specialista permette ai pazienti affetti da neoplasia maligna testa-collo diagnosticata in stadio iniziale di avere una prognosi incoraggiante – illustra Silvano Ferrari  della  Maxillo facciale – che, nell’80-90% dei casi, arriva a cinque anni; percentuale che scende a 10-15% dei casi per le diagnosi più tardive.

Informazioni utili sulla prevenzione e la diagnosi precoce dei tumori testa collo saranno ospitate sul sito web dell’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica, all’indirizzo www.aiocc.it L’obiettivo dell’Associazione è fare dei bisogni dei pazienti e dei sopravvissuti sempre di più il punto centrale delle attività di sensibilizzazione, in collaborazione con società scientifiche e associazioni dei pazienti.

SanMartino
lodi_maggio24
Casa Bambini
kaleidoscopio