“Siamo sulla buona strada”

Le altre notizie pubblicate oggi
(non più in homepage)
___
30/08/2010

“Un bell’inizio. E’ stata una bella partita e anche se c’è ancora tanto da lavorare, siamo sulla strada giusta”. Queste le prime parole di Stefano Morrone al termine della gare vinta con il Brescia che lo ha anche visto andare in rete. Il capitano prosegue parlando del gioco del Parma: “E’ un gioco molto diverso da quello dell’anno scorso. Abbiamo molta più qualità là davanti. Ma un bravo va a tutti perché abbiamo concesso pochissimo” e del compagno infortunato Galloppa: “Come probabilmante avranno già fatto i miei compagni, anch’io colgo però l’occasione per dedicare questa vittoria a Galloppa, gli siamo vicino”.

Stefano Morrone, un gol già alla prima giornata…
“Ci siamo tolti il pensiero. Una bella soddisfazione, un bell’inizio. E’ stata una bella partita e anche se c’è ancora tanto da lavorare, siamo sulla strada giusta”.

Nonostante alcuni momenti di appannamento, la squadra è sembrata in buone condizioni fisiche…
“Per quanto mi riguarda sono molto contento perché in questo periodo solitamente faccio molta più fatica”.

E’ un Parma diverso quello di quest’anno?
“In effetti è un gioco molto diverso da quello dell’anno scorso. Abbiamo molta più qualità là davanti. Ma un bravo va a tutti perché abbiamo concesso pochissimo. Credo che si sia vista la nostra qualità, dobbiamo sfruttarla”.

E’ rimasto però qualcosa del Parma dell’anno scorso, in particolare le ripartenze?
“Credo che una parte del nostro lavoro riguardi proprio lo spirito: attenzione e concentrazione. Siamo stati bravi a difenderci e ripartire”.

L’abbiamo chiesto a Bojinov e adesso lo chiediamo anche a lei: quanti gol vuole fare in questa stagione?
“Ancora più gol di Bojinov (scherza il capitano, ndr). Come probabilmante avranno già fatto i miei compagni, anch’io colgo però l’occasione per dedicare questa vittoria a Galloppa, un ragazzo che ha subito un grave infortunio e ci fa piacere stargli vicino”.

Forse sarebbe meglio che questa pausa non ci fosse e si andasse subito a Catania?
“In effetti non è che gradisca molto questa pausa, ma abbiamo due ragazzi in Nazionale: Mirante confermato e Antonelli che è stato convocato per la prima volta, questo dà una grande gioia e soddisfazione a tutto il gruppo”.

Per Stefano Morrone quando arriverà la convocazione?
“Bisogna essere realisti, credo che non arriverà mai. Quello che spero è in un lungo contratto con il Parma”.

E’ stata una vittoria sorprendente?
“Sorprendente no, perché in questo periodo abbiamo lavorato bene. Dopo le tante amichevoli fatte c’era la voglia di scendere subito in campo per vedere di che pasta eravamo fatti”.

Cambierà la rosa in questi giorni che mancano alla fine del calciomercato?
“Non saprei, sappiamo che negli ultimi giorni di mercato può succedere di tutto. Ora godiamoci la sosta ed i compagni in Nazionale, poi lavoreremo ancora per affrontare il Catania”. 
 
(si ringrazia fcparma.com per la collaborazione)

cioccolato

“Siamo sulla buona strada”

31/08/2009

(si ringrazia fcparma.com per la collaborazione)

Davide Lanzafame, ieri sera avete sfoderato una prestazione maiuscola…
“Sì: quella di ieri contro il Catania è stata una vittoria importantissima, anche perché era uno scontro diretto. Siamo moto soddisfatti.”

Davanti il Parma può contare su un attacco molto veloce…
“Cerchiamo di fare le cose che ci riescono meglio, poi a volte ci riescono, altre no. Ieri sera è andata bene, e speriamo che continui così.”

Il suo è stato praticamente un assist per la rete di Paloschi: una sua forte conclusione mal trattenuta da Andujar è diventata preda di Paloschi…
“Giorno dopo giorno e partita dopo partita l’intesa tra i compagni di reparto, e tra tutta la squadra migliora. Sono contento che, seppur non abbia segnato, il mio tiro è servito a Paloschi per realizzare la rete della vittoria.”

Si poteva soffrire un po’ meno, soprattutto nel primo tempo…
“Forse sì: abbiamo concesso un paio di occasioni che si sarebbero potute tramutare in rete. E’ chiaro che dovremo migliorare, perché in Serie A non si può concedere nulla agli avversari. Dovremo migliorare ancora tanto.”

In attacco cominciate ad essere tanti: oltre a lei, Paloschi e Biabiany sono arrivato Bojinov ed Amoruso…
“La competizione, se sana, fa solo bene; poi sarà il mister a decidere, e lo farà in base al migliore momento di forma di ognuno di noi.”

Parma e Inter sono appaiate in classifica a 4 punti, e fra due settimane affronterete i nerazzurri a Milano…
“Inter-Bari ha dimostrato che non c’è nulla di scontato nel calcio, e la vittoria per 0-4 dell’Inter nel derby ieri sera lo ha confermato. Noi andremo a Milano e cercheremo di fare punti, come facciamo sempre.”

Cosa cambia tra l’impostazione del Parma sceso in campo contro l’Udinese e quello sceso in campo oggi al Tardini?
“E’ chiaro che ogni partita ti porta a fare un gioco diverso: in casa magari abbiamo più possibilità di avere noi il pallino del gioco. Stasera è andata così, peccato solo per il gol subito.”

Il gol subito, quindi, unico neo della partita…
“Purtroppo sì, ed anche ad Udine era successo di essere passati in vantaggio, due volte, e di esserci fatti rimontare.
Lavoreremo su questo aspetto alla ripresa degli allenamenti. Ora godiamoci questi giorni di meritato riposo.”

Perché le punizioni non le batte lei?
“Oggi ha calciato Panucci; magari la prossima volta calcerò io… Cristian ha un ottimo tiro, però.”

cioccolato

“Siamo sulla buona strada”

11/08/2009
h.10.20

Prima seduta a Collecchio del Parma a pochi giorni dal debutto ufficiale in Coppa Italia con il Novara. A presentarsi alla stampa è Antonio Mirante, sabato autore, con l’Osasuna, di alcune parate da applausi: “Con Pavarini c’è un rapporto leale, da compagni di squadra, da professionisti che vogliono il bene del Parma. E’ una brava persona e a livello di esperienza ho solo da imparare”.

Prima partita al Tardini e subito alcuni interventi importanti. Sei soddisfatto?
“Più che soddisfatto della mia partita, sono contento per la squadra. A livello generale abbiamo disputato una buona gara nonostante la sconfitta. C’è ancora da migliorare qualcosa, è vero ma siamo a buon punto e per la Coppa Italia saremo pronti”.

Trovi sia difficile sostenere il modulo a tre punte? Meglio due?
“Non penso sia un problema di sistema tattico. La fase difensiva è importante ma parte dalle punte. Fra l’altro non trovo che con l’Osasuna ci siano state molte differenze fra il primo e il secondo tempo. Del resto i primi 20’ la partita l’abbiamo fatta noi”.

Che rapporto hai con Pavarini?
“Un rapporto leale, da compagni di squadra, da professionisti che vogliono fare bene e che vogliono il bene del Parma. E’ una brava persona e a livello di esperienza ho solo da imparare”.

Ti aspettavi un ambiente così caldo e accogliente come quello che avete trovato in Cittadella?
“Ci ha sorpreso un po’ tutti: nel calcio difficilmente accadono queste cose. Dà stimolo, entusiasmo e noi dobbiamo fare leva su questo per raggiungere il nostro obiettivo”.

Tu sei fra quelli che parlano di salvezza o in realtà speri in qualcosa di più?
“No penso alla salvezza, inutile fare proclami o appelli. Bisogna partire con un profilo basso, poi la stagione è figlia di tante cose come ad esempio una bella partenza, che condiziona poi tutto il campionato”.

Aldilà di essere ancora in preparazione, cosa non va ancora?
“Qualcosa da sistemare c’è, soprattutto in fase difensiva. Ci sono molti nuovi giocatori e questo ci può penalizzare. Con l’Osasuna abbiamo però anche creato molto e ciò vuol dire che siamo sulla buona strada”.

Stai lavorando con Guidolin, come ti trovi?
“E’ un allenatore preparato, serio. Penso abbia a disposizione un gruppo di cui si possa fidare, così come noi abbiamo un allenatore su cui contare”.

cioccolato