Cariparma Volley, successo a San Vito

kaleidoscopio
Casa Bambini
SanMartino
lodi_maggio24

30/11/2009
11.20

Sull’infuocato campo di San Vito dei Normanni, il Cariparma SiGrade Volley, al termine di una lunga battaglia, conquista il suo ottavo successo consecutivo, riuscendo così a sfatare il tabù del Pala Macchitella, un parquet che non si era dimostrato certo fruttuoso nell’ultima stagione.
La formazione allenata da Micoli l’ha spuntata per 3-2 con parziali di 25-11, 23-25, 25-21, 19-25, 15-11 a proprio favore.
Su un campo che si presentava ancora inviolato, Parma non fa bottino pieno ma conquista comunque due punti importanti per rimanere nella posizioni di testa della classifica: secondo posto a quota 23 in coabitazione con Carpi, a -2 dalla capolista Aprilia, vittoriosa anche contro Chieri.
Si sapeva che la gara sull’infuocato campo pugliese avrebbe nascosto diverse insidie, e così è stato.
Il Cariparma SiGrade, dopo essere partito alla grande, è incappato in un calo nella seconda frazione che ha permesso a San Vito di pareggiare i conti.
Terzo set sempre condotto dalla squadra di Micoli, che solo nel finale si è concessa una piccola pausa. Poi ancora difficoltà nel quarto, con una ricezione troppo imprecisa e troppi errori gratuiti.
Con carattere e voglia di vincere poi, Parma ha fatto suo il quinto set.
Al buon esito dell’incontro non ha certo favorito l’infortunio di Santini, costretta ad uscire nel finale del secondo parziale.
La seconda linea ducale, dopo la sua uscita ha infatti perso un elemento chiave per l’equilibrio del gioco.

La gara
Dopo l’ottima prova contro Roma, mister Micoli ridà fiducia a Brussa, che parte da opposto in diagonale con Gioria. Al centro la coppia Crozzolin-Elli, Senkova e Santini in banda e Sacco libero.
E’ subito un inizio incoraggiante quello del Cariparma SiGrade, che scende sul caloroso parquet pugliese con la giusta determinazione.
Le ottime battute ducali mettono in difficoltà San Vito, che al primo time-out tecnico si trova sotto 8-3.
Parma gioca bene, precisa, senza errori e i risultati si vedono: il vantaggio sale a 16-9 con l’attacco di Santini. Con Brussa che va in battuta, comincia il super parziale di 8-0 della squadra di Micoli, grazie soprattutto ad un invalicabile muro ducale con Crozzolin, Brussa e Gioria come protagoniste.
E’ l’ottima Brussa (6 punti nel set) a firmare il punto del 25-21.
La seconda frazione inizia nel segno del duello a distanza Elisangela-Senkova, che cercano di guidare in attacco le proprie compagne. Dopo un iniziale equilibrio però (8-8), San Vito riesce a mettere il naso avanti: l’ace di Elisangela dà il 16-13 alle padrone di casa.
La buona vena di Senkova e una Gioria che non rinuncia a tocchi di seconda intenzione, ridanno la parità al Cariparma SiGrade: 16-16.
Con la coppia Hanusic-Aricò però, le sanvitesi riescono a rimettere in difficoltà Parma e a guadagnare un ottimo vantaggio: 23-20.
Nel finale di set anche la sfortuna si abbatte sul campo parmigiano: ne fa le spese Alice Santini, costretta ad uscire per una probabile distorsione ad una caviglia.
Al suo posto entra capitan Conti, che con un attacco e due ace consecutivi si rende subito protagonista. Peccato che la possibile palla del 24-24 non venga concretizzata al meglio in casa Cariparma.
Il Cedat 85 pareggia così i conti: 25-23.
Nel terzo set Parma torna padrona del gioco, con Conti ed Elli che propiziano l’8-2 iniziale.
San Vito fatica a rimanere a contatto e in poco tempo lo svantaggio aumenta: 16-8 grazie alla fast di Crozzolin.
Senkova e Brussa rispondono alla grande al primo tentativo di rimonta locale, portando il Cariparma sul 24-16.
Calo di intensità parmigiano e San Vito si fa di nuovo minaccioso: 24-21. Per fortuna l’errore al servizio locale regala il 25-21 ducale.
Nel quarto parziale ci si attenderebbe un Cariparma SiGrade aggressivo come nella prima frazione; la situazione invece si capovolge. Le padrone di casa, con Hanusic sugli scudi, partono subito forte: 8-5.
Parma è imprecisa e commette troppi errori (9 nel set) e questo porta mister Micoli a tentare qualche cambio. Dentro nell’ordine Cirilli, Travaglini e Corna.
La voglia di arrivare al quinto set da parte di San Vito però, è troppo grande e il Cariparma non riesce ad evitarlo: 25-21 Cedat 85.
Ferite nell’orgoglio, le ragazze di Micoli ritrovano il carattere e la grinta giusta nel tie-break, riuscendo così a violare il Pala Macchitella per la prima volta in questa stagione. Chiude capitan Conti il punto del 15-11.

Casa Bambini
kaleidoscopio
lodi_maggio24
SanMartino