Lega: “Il mercato delle vacche tra Pd e Pizzarotti per l’assessore regionale è l’ennesima presa in giro degli elettori”

Forte della propria irrilevanza elettorale Pizzarotti, con la consueta presunzione, pretende di dire la sua sulla nomina degli assessori di Bonaccini, nonostante il flop dei suoi candidati consiglieri alle elezioni regionali, che ripete il suo insuccesso personale alle europee.

Può farlo solo perché Bonaccini ha bisogno della foglia di fico finto-civica per nascondere il PD.

Un mercato delle vacche che cela l’ennesima presa in giro degli elettori. (leggi PDleggi Pizzarotti)

Pizzarotti è stato eletto per ben due volte grazie ai voti dei cittadini, anche di centrodestra, che non volevano il PD. Oggi, invece, è alleato di quello stesso PD che da 50 anni penalizza Parma in Regione.

Quel PD che passate le elezioni fa sbarcare nuovi immigrati, ricomincia con ius soli e nuove tasse.

Di queste cose però, caso strano, Pizzarotti non si lamenta.

Sarà quindi la Lega a darsi da fare per Parma e a stare col fiato sul collo a Bonaccini perché mantenga subito tutte le promesse elettorali fatte ai parmigiani in queste settimane: riapertura punto nascita di Borgotaro, fermata dell’Alta Velocità alle Fiere, Ti-Bre, Pontremolese, Pedemontana, asili nido gratis, autobus gratis eccetera, eccetera.

Dovrebbe farlo il sindaco.

Quando ne avremo uno.

Lega Salvini Premier Parma

cioccolato